cavallo
News
IL REPORTAGE

Parchi invasi, controlli anche a cavallo

Folla in centro e al mercato, code nei negozi e super lavoro per i parrucchieri

Con le seconde case vietate dall’ordinanza regionale firmata venerdì sera dal presidente Cirio, molti torinesi ieri hanno invaso i parchi per le ultime ore di “libertà” prima di tornare in zona rossa. Con una marea di famiglie e giovani al Valentino, dove i civich e i poliziotti, anche a cavallo, hanno controllato palmo a palmo i prati, invitando chi aveva la mascherina abbassata o in tasta, ad indossarla in maniera adeguata. Via Roma e via Garibaldi erano piene di gente, in particolare davanti ai negozi di abbigliamento che da lunedì saranno chiusi. Folla di clienti nei mercati, attirati dai prezzi stracciati, anche di merce primaverile-estiva, in vista dello stop per tutte le attività commerciali non considerate essenziali. In tanti si sono messi in coda ai supermercati, mentre i parrucchieri hanno lavorato dal mattino alla sera per i fortunati che sono riusciti a trovare un posto per l’ultimo taglio. Assembramenti nei giardini e nelle aree come il piazzale Valdo Fusi. Anche ieri erano tanti i giovani, soprattutto amanti dello skateboard, che si sono dati appuntamento per giocare o per prendere il sole o consumare gli aperitivi da asporto sulle collinette che fanno da cornice al piazzale. Molti senza indossare la mascherina. Affollato anche il parco di piazza d’Armi, dove molti ragazzi hanno sfidato il divieto giocando a basket sul campetto all’aperto.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo