VIA PORTA

Il parcheggio è un dormitorio. E ora Gtt chiede lo sgombero

Palatina un rifugio per senzatetto a fianco del passaggio pedonale

Un accampamento di clochard è comparso all’ingresso del parcheggio Gtt Santo Stefano di via Porta Palatina, proprio di fianco alle lussuose suite dell’omonimo hotel. Lungo il passaggio pedonale, vicino alla rampa del sotterraneo, spuntano numerosi cartoni stesi a terra e spesse coperte usate dal gruppo di disperati come riparo dal gelo. Per terra compaiono scarpe, vestiti, scatolette di cibo e bottiglie di plastica. «Quel corridoio dev’essere lasciato libero perché conduce alle pompe dell’antincendio» spiega Gtt che afferma di essere già a conoscenza dell’occupazione.

Una situazione analoga a quella che si regista sotto i portici del centro, tra via Roma, via Po e di fianco al museo del Risorgimento in piazza Carlo Alberto, o nei dintorni delle stazioni, dove sempre più “invisibili” cercano un posto dove passare la notte. Si tratta dell’ennesima testimonianza di come i senza casa preferiscano vivere per strada piuttosto che nelle strutture messe a disposizione dal Comune. Nei container dell’emergenza freddo in piazza D’Armi infatti ci sono ancora tanti posti vuoti e i dormitori, quest’inverno ulteriormente potenziati, non vengono ancora visti da queste persone come una soluzione. Il motivo? C’è chi ha paura di venire in contatto con delinquenti, chi non vuole separarsi dal proprio cane e chi invece ha scelto la strada di proposito per sentirsi più libero. Fatto sta che da tutti Torino è percepita come una delle città più accoglienti d’Italia. Come afferma l’assessore al Welfare, Sonia Schellino: «Non cacceremo mai dalla strada chi è senza casa». Una visione di certo contrapposta a quella del vicesindaco leghista di Trieste, Paolo Polidori, che solo qualche giorno fa ha rimosso le coperte e gli indumenti di un clochard, rischiando pure una multa per aver gettato il piumino e la bottiglietta di plastica del senzatetto nel bidone dell’indifferenziata.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single