papa luciani gn
Profondo Giallo
DOPO 43 ANNI

Papa Luciani è Beato, ma i sospetti restano: «E’ stato avvelenato»

Il 26 agosto 1978, esattamente 43 anni fa, il patriarca di Venezia, il cardinale Albino Luciani veniva eletto Papa con il nome di Giovanni Paolo I. Il suo pontificato, però, durò solo 33 giorni, uno dei più brevi della storia della Chiesa. Il 29 settembre dello stesso anno, papa Luciani morì. Un decesso improvviso, per infarto, hanno sempre sostenuto le autorità vaticane, ma sul corpo del pontefice, nonostante diverse richieste, non fu mai eseguita l’autopsia, perché non prevista sul cadavere di un pontefice e il 22 di settembre di quest’anno è stato proclamato Beato. Sulla morte di Giovanni Paolo I non sono mai mancati sospetti e ombre. C’è un’ultima rivelazione che agita le stanze segrete del Vaticano. Secondo fonti dirette e rimbalzate sul web, Luciani aveva pronto un dossier che conteneva l’elenco di alti prelati (e anche alcuni cardinali) che sarebbero stati “licenziati”. Giovanni Paolo I aveva in animo di rimuoverli dagli incarichi, ma la sua morte improvvisa evitò la “purga”. «Il dossier – hanno riferito le monache che assistevano il pontefice – era custodito nella stanza di papa Luciani, ma il giorno seguente la sua morte, l’incartamento era sparito». Forse solo una coincidenza, certamente un fatto che, fino a prova contraria, non può essere messo in relazione con il decesso del Papa, ma è comunque una vicenda oscura, tenuta segreta per oltre quarant’anni. L’esistenza di questo dossier, di cui si è parlato solo in tempi recenti, non è l’unico mistero che avvolge la morte di Luciani. A fare scalpore fu soprattutto la teoria sviluppata dal giornalista investigativo britannico David Yallop sei anni dopo, nel best seller “In nome di Dio”, in cui l’autore ipotizza un omicidio a sfondo politico, «per avvelenamento», ad opera di alcuni prelati che si opponevano agli interventi di riforma programmati da papa Luciani (in particolare quella dello Ior – Istituto Opere di Religione, allora gestito da monsignor Paul Marcinkus). Successivamente, le dichiarazioni del pentito di Cosa nostra Vincenzo Calcara hanno alimentato questa tesi, benché prive ad oggi di riscontri oggettivi. La teoria di Yallop è stata respinta da diversi autori e dalla Santa Sede. Quel che è certo, però, è la determinazione di Luciani di provvedere rapidamente alla trasformazione della banca vaticana.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo