messi pallone d'oro
Sport
JORGINHO AL 3° POSTO

“Pallone d’Oro 2021”, vince ancora Messi. «Ma Lewandowski…»

Un mese fa il quotidiano spagnolo “Marca”, edito dal presidente del Torino Urbano Cairo, dava come vincitore del Pallone d’Oro 2021 Robert Lewandovski, attaccante del Bayern Monaco. Da un paio di giorni, però, voci di corridoio lo davano a Leo Messi. Voci a cui nessuno voleva credere, visto la stagione – tra le peggiori, specie a livello di club con il brusco addio al Barcellona a fine stagione – della Pulce argentina. Ebbene, ieri, attorno alle 22, è arrivata la conferma. Ad annunciarlo, dal palco parigino l’ex campionissimo Drogba: «Il vincitore del Pallone d’Oro 2021 è Leo Messi». Tutta da vedere la faccia a dir poco perplessa di Robert Lewandowski, seduto proprio accanto all’ex 10. Tiepidi applausi e qualche fischio sono arrivati dalla platea, tutta per la Pulce, a maggior ragione da quando è sbarcato in riva alla Senna, alla corte dello sceicco del Psg, è più che mai di casa. Vince per la settima volte il Pallone d’Oro la Pulce. Ma gli interrogativi aumentano sul reale valore di questo premio. «È incredibile tornare qui dopo due anni – ha detto Messi al momento della premiazione -, dopo quello che è successo, e senza dover rispondere a domande sul contratto o su quando mi sarei ritirato. Invece mi sono ritrovato a Parigi e con entusiasmo per tornare a lottare per grandi obiettivi. Non so quanto mi resti da giocare, ma spero di poterlo fare ancora a lungo». «Ringrazio tutti i mie compagni del Barça e del Psg e specialmente il gruppo tecnico e i compagni della nazionale argentina – ha detto ancora la Pulce -. Avevo sempre la sensazione che mi mancasse qualcosa da raggiungere, e quest’anno il sogno che tanto desideravo si è realizzato, è arrivato quel trofeo che volevo da tempo. La Coppa America con l’Argentina mi ha portato a vincere questo premio, e per questo voglio ringraziare i miei compagni, perché loro sono parte di questo riconoscimento. Il premio più bello l’ho vinto a giugno: fin da quando ho cominciato a giocare ho sempre sognato di vincere un trofeo con la nazionale, per la mia gente». Poi una dedica a colui che ha battuto “sul filo di lana”. «È stato un onore per me avere lottato con Robert (Lewandowski ndr) – le parole di Messi -. Credo che lo avrebbe meritato, perché l’anno scorso tutti concordavano che il Pallone d’Oro avrebbe dovuto averlo lui e credo anche io che debba avere questo premio. Robert, spero che “France Football” possa risarcirti e darti questo premio». Al terzo posto si piazza l’italo-brasiliano Jorginho. Quarto posto Benzema. Quinto Kantè. Sesto un polemico CR7. E gli altri azzurri? Donnarumma decimo (per lui il premio Yashin); Chiellini 13°, 14° Bonucci; Barella 26°. Un’edizione che farà discutere ancora per tanto tempo.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo