Depositphotos
News
IL FATTO

Per palestre, piscine e sport di base gli ultimi due giorni di “lockdown”

Registri degli utenti, programmi pianificati, docce e spogliatoi con distanze minime di un metro

Programmi e accessi pianificati, magari con prenotazione per regolamentare gli accessi e la frequenza delle strutture. Elenchi presenze da mantenere a disposizione per almeno due settimane, distanze di un metro anche negli spogliatoi e nelle docce, che andranno organizzati dove possibile con apposite barriere.

Due metri, invece, sarà la distanza minima per chi utilizzerà gli attrezzi a disposizione degli utenti, che andranno sanificati con attenzione, così come le vasche delle piscine, dove non sarà possibile far accedere il pubblico su tribune e spalti, ancor meno organizzare manifestazioni pubbliche. Sulle acque, invece, sarà necessaria una vigilanza delle analisi biochimiche secondo i parametri indicati dalle linee guida nazionali. Da lunedì anche lo sport si prepara a riparte «in sicurezza».

CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo