Tassista
Cronaca
La fuga è durata poco

Paga il taxi coi soldi rubati in un bar di corso Traiano: preso dalla polizia

Poco prima il responsabile del furto, un 33enne, aveva tentato un altro colpo in un altro esercizio della zona

Durante la notte di lunedì si era appena consumato un furto all’interno di un bar in corso Traiano e la Centrale Operativa della polizia ha diramato la nota via radio fornendo le descrizioni dell’uomo che aveva danneggiato la saracinesca della porta di servizio del locale e aveva svuotato la cassa per poi allontanarsi.

Gli agenti delle volanti, già nei pressi della zona interessata, hanno individuato un uomo corrispondente al ricercato: giubbotto da montagna, cappellino e occhiali. All’angolo con corso Unione Sovietica l’uomo in questione, notata la volante, si è chinato cercando di nascondersi eha raggiunto un taxi salendovi a bordo. I poliziotti hanno seguito il veicolo e hanno proceduto al controllo del soggetto.

Gli agenti non si erano sbagliati, l’autore del furto era proprio lui. Con ancora le mani sporche di grasso, probabilmente macchiate mentre danneggiava la serranda del locale, e con 15 euro in monete nelle tasche del giubbotto, l’uomo, un 33enne romeno con diversi precedenti per reati contro il patrimonio, è stato fermato per furto. Le banconote trafugate dal fondo cassa, quattro pezzi da 5 euro, le aveva invece utilizzate per pagare anticipatamente la corsa in taxi.

Poco prima il 33enne aveva tentato un altro furto ai danni di un bar sulla stessa via, solo pochi numeri civici prima. In questa circostanza, però, era riuscito a danneggiare il nottolino della finestrella dei gelati ma senza riuscire ad accedervi. L’uomo era stato notato da un cliente che aveva anche avvertito il gestore del locale, il quale era riuscito a visionare le immagini dell’impianto di videosorveglianza mediante app da cellulare: ciò consentiva agli agenti di riconoscere il ladro da una patch applicata al giubbotto. Per questi motivi, è stato anche denunciato all’Autorità Giudiziaria per tentato furto aggravato.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo