CORSO CASALE Ancora varchi tra le recinzioni del vecchio zoo

Otto luci a led al parco Michelotti: «Ma i disperati tornano sempre»

Tecnici Iren e volontari di Torino Spazio Pubblico al lavoro per la riqualificazione dell'area

Continuano i lavori al parco Michelotti, l’ex zoo della città di Torino chiuso da 31 anni. Dopo la risistemazione dell’area giochi, delle staccionate e dei muretti in pietra, in questi giorni si sta provvedendo al ripristino dell’illuminazione e dell’arredo urbano per consentire l’apertura della prima parte di parco in estate.

I tecnici di Iren hanno già integrato la vecchia illuminazione con luci a led, e stanno effettuando gli scavi per l’installazione di 8 nuovi punti luce integrativi che entreranno in funzione entro metà maggio. In parallelo i volontari di Torino Spazio Pubblico stanno ridipingendo le panchine e riparando la recinzione in ferro su corso Casale che, in alcuni punti, è stata divelta dai senzatetto.

Anche la rete verso la Gran Madre è stata sfondata e l’accesso al parco è così consentito a chiunque. All’interno dell’area cantiere sono parcheggiate due biciclette “free floating” oBike, e «ogni mattina – comunicano i residenti della zona – vediamo gli occupanti uscire dai buchi della recinzione».

Gli edifici fatiscenti delle vecchie gabbie degli animali, che sorgono nella parte di parco esterna a quella oggetto di riqualificazione, sarebbero quindi ancora abitate da un gruppo di senzatetto, nonostante le continue operazioni di sgombero effettuate dai vigili

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single