facciamo la differenziata
Cronaca
LA CAMPAGNA

Ora Amiat “ci mette la faccia” per la raccolta differenziata

Unia: «Un linguaggio accattivante per un invito incredibilmente serio»

Cartoni delle uova, bottiglie di plastica e vetro, scatolette, frutta e verdura trasformati in volti sorridenti per dire “mettiamoci la faccia” dando ciascuno il proprio contributo alla tutela dell’ambiente e del territorio. È la nuova campagna “Facciamo la differenziata” lanciata da Amiat Gruppo Iren, Città di Torino e Conai per sensibilizzare i cittadini al corretto smaltimento dei rifiuti.

La campagna lancia anche lo slogan “Torino differenzia”, che vuole essere contemporaneamente affermazione e monito e comprende affissioni, spazi sulle principali testate locali e sui social, stencil sui marciapiedi in corrispondenza di alcune ecoisole e due video. «Questa campagna trasmette con un linguaggio accattivante un invito incredibilmente serio – commenta sottolinea l’assessore comunale all’Ambiente, Alberto Unia – mettersi in gioco in prima persona per adottare buone pratiche ambientali». Un coinvolgimento, aggiunge il presidente Amiat Christian Aimaro, «per noi molto importante per ottenere livelli di raccolta differenziata sempre migliori e questa campagna ci consente di trasmettere messaggi di grande responsabilità e senso civico».

Anche per Luca Piatto, responsabile rapporti con il territorio di Conai, «i cittadini, se differenziano correttamente, rappresentano il primo anello della catena del riciclo, che permette ai materiali di imballaggio di trovare una seconda vita, salvaguardando l’ambiente». A completare il quadro della campagna ci sono anche due video: il primo riporta in chiave visiva i concetti base su cui si basa la campagna, mentre il secondo è un tutorial sul corretto uso delle ecoisole. Entrambi si trovano sul canale Youtube del Gruppo e sul sito di Amiat.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo