L'abitazione del Borgo Vittoria in cui si è consumato l'omicidio-suicidio di una coppia di anziani
News
E’ successo in un’abitazione di via Coppino, nel quartiere di Borgo Vittoria

Omicidio-suicidio a Torino: anziano uccide la moglie malata di Alzheimer e poi si spara [FOTO E VIDEO]

I due cadaveri sono stati trovati uno accanto all’altro. Lei, 88 anni, ormai faticava a riconoscere le persone, anche quelle più care. Lui, 90, forse aveva paura che la moglie soffrisse o che rimanesse da sola. Da qui il folle gesto

Omicidio-suicidio a Torino, in una abitazione di via Coppino, nel quartiere di Borgo Vittoria. Un anziano, Giulio Gauna, ex partigiano col nome di battaglia di “Canguro“, ha sparato alla moglie, Vera Sartore, e si è poi tolto la vita con la stessa arma – una pistola calibro 7,65 legalmente detenuta – utilizzata per uccidere la donna. Due colpi esplosi verso la donna, alla testa, e uno contro se stesso. I due cadaveri  sono stati trovati l’uno accanto all’altro, seduti su due poltrone, in cucina.

POLIZIA E 118 SUL POSTO
Sul posto è intervenuto il personale del 118, che non ha potuto fare altro che constatare il decesso della coppia. Con loro anche gli agenti della Polstato e i carabinieri del locale distaccamento dell’Arma per le indagini e gli accertamenti del caso.

LA NUOVA DA’ L’ALLARME
A quanto pare, a dare l’allarme sarebbero stati i parenti preoccupati perché i due anziani non rispondevano al telefono. In particolare la nuora di Vera, preoccupata perché Giulio e Vera non rispondevano al telefono: è stata lei a chiedere aiuto.

LEI SOFFRIVA DI ALZHEIMER
Vera Sartore, 88 anni, commerciante in pensione (aveva gestito un negozio di dolci nel quartiere in cui abitava), soffriva di Alzheimer e faticava a riconoscere le persone, anche quelle più care. Lui, 90 anni, ex elettricista, forse aveva paura che la donna soffrisse, forse che rimanesse da sola. Da qui, molto probabilmente, l’idea di farla finita.

IN PROCURA E’ STATO APERTO UN FASCICOLO
Ora la polizia proseguirà con gli accertamenti e verrà effettuata l’autopsia. In Procura è stato aperto un fascicolo, affidato al magistrato Francesco Pelosi. Ci sono le indagini, le procedure investigative, che però poco o nulla possono dire su quanto accaduto in quell’appartamento.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo