MISTERO SULL'AGGRESSIONE

Omicidio in pieno giorno a Torino: 34enne accoltellato a morte [LE FOTO]

Stefano Leo si è accasciato all'incrocio tra via Napione e corso San Maurizio: carabinieri sulle tracce dell'assassino. Il coinquilino: "Ragazzo equilibrato e metodico, tragedia incomprensibile"

Nel riquadro Stefano Leo

Un uomo è stato ucciso in centro a Torino. Dalle prime informazioni sembrerebbe che la vittima sia stata accoltellata. Il giovane intorno alle 11 si è accasciato in strada al centro dell’incrocio tra via Napione e corso San Maurizio dopo una corsa di pochi metri risalendo dai Murazzi.

È da lì che lo ha visto sbucare un testimone che era sul posto con il cane. Ha riferito di averlo notato correre in strada e tentare di fermare un’automobile prima di cadere senza vita.

I carabinieri, guidati dal comandante provinciale colonnello Francesco Rizzo, stanno cercando di capire quanto accaduto, sul posto anche gli agenti della Polizia Municipale che hanno delimitato la zona e bloccato il traffico per consentire i rilievi.

CHI E’ LA VITTIMA.

Si chiamava Stefano Leo, aveva 34 anni ed era di Biella, ma si era trasferito nel capoluogo dove viveva con un amico. I carabinieri hanno acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza con la speranza di trovare elementi utili per identificare l’aggressore.

IL COINQUILINO: “TRAGEDIA INCOMPRENSIBILE”

Non ci crede, Sebastiano, coinquilino di Stefano. “Era un ragazzo metodico ed equilibrato, non capisco come sia potuta succedere una tale tragedia”.

Poi spiega: “Non ero con lui, perché da alcuni giorni sono a Milano per studiare. Come sempre, sarà uscito di casa per andare a lavoro. Ogni mattina faceva una passeggiata in lungo Po Machiavelli, raggiungeva piazza Vittorio e poi andava in negozio, in via Roma. Aveva fatto i calcoli: ci metteva 40 minuti esatti. Non litigava mai con nessuno”.

Sebastiano svela la passione per i viaggi dell’amico: “Da poco era tornato dall’Australia”.

loop-single