rifiuti settimo leini
Cronaca
SETTIMO-LEINÌ

Oltre 300 tonnellate di rifiuti abbandonati in mezzo ai campi

Due persone sono state denunciate dalla Finanza

La Guardia di Finanza ha sequestrato due appezzamenti privati nell’area metropolitana dove erano ammassati cumuli di rifiuti abbandonati. Quattro denunciati alla procura di Ivrea per attività di gestione di rifiuti non autorizzata, tra loro Alessio Ponzio, 85 anni e il figlio Giuseppe di 60, entrambi residenti a Settimo. Il primo intervento ha riguardato un’area di oltre 50 mila metri quadrati a Settimo Torinese. Il proprietario del sito aveva ottenuto l’autorizzazione a stoccare rifiuti fino a 40 mila tonnellate, ma ha poi invaso un’area più estesa rispetto a quella consentita arrivando ad accumulare oltre 260mila tonnellate di spazzatura. I cumuli di macerie, alti sino a 20 metri, sono risultati provenire da demolizioni industriali e lavori di edilizia pubblica. Ritrovati anche rifiuti pericolosi con amianto. Il secondo intervento, invece, ha riguardato un deposito di rifiuti pericolosi a Leini, all’interno di un’area boschiva di 2mila metri quadrati, dove sono state rinvenute circa 70 tonnellate di materiale di scarto tra lastre di cemento armato, contenitori di plastica, pneumatici, motori meccanici, bidoni utilizzati per lo stoccaggio di olio, serbatoi vuoti di Gpl.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo