L’edificio Atc di corso Taranto
Cronaca
CORSO TARANTO

Occupato un altro alloggio Atc: «Ora denunciamo gli zingari»

Dopo il blitz dei vigili, Forza Italia presenta un esposto in questura

Nell’immenso palazzone al civico 80 di corso Taranto gli inquilini vanno e vengono ma nessuno sembra sapere qualcosa riguardo all’ennesima occupazione da parte di una famiglia di rom. Eppure, numeri alla mano, la porta di uno degli appartamenti al terzo piano risulta essere stata forzata lo scorso lunedì. «Qui nessuno ha il coraggio di parlare» denuncia in anonimato una signora. Ma la situazione, dopo i casi di via Gallina, via Ghedini e via Bologna, è sempre più grave. «Le persone oneste sono esasperate e hanno paura – dichiara il capogruppo di Fi alla Sei, Domenico Garcea -. Per questo presenterò un esposto in Questura contro l’occupazione abusiva delle case popolari. Il prefetto e l’amministrazione devono attivarsi e assegnare gli appartamenti».

Atc, venuta a conoscenza di una presunta occupazione, ha informato la polizia municipale per gli accertamenti del caso. I vigili, ieri mattina, hanno accertato l’occupazione «per la quale – spiegano da corso Dante -, siamo in attesa di ricevere la notizia di reato». L’appartamento in questione era libero da poco tempo: il precedente assegnatario l’aveva lasciato a fine febbraio e questa settimana sarebbero dovuti cominciare i lavori di manutenzione ordinaria necessari a renderlo disponibile per una nuova famiglia. «Tutte le occupazioni abusive accertate – continua Atc -, sono all’attenzione del tavolo interistituzionale costituito dalla Prefettura, che si riunirà nei prossimi giorni». Sempre sul fronte occupazioni, nei giorni scorsi si è tenuto un sopralluogo di Torino Tricolore in via De Bernardi. «Queste case sono in balia dei rom che stanno occupando sempre più alloggi – dichiara Matteo Rossino, di Torino Tricolore -. Come se non bastasse, di notte, i residenti hanno paura di uscire perché altri nomadi presidiano la zona in cerca di alloggi in cui entrare».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo