Borgo millenario
News
Via libera al progetto che prevede anche una piscina

Nuova vita per il borgo millenario: un villaggio da 25 milioni di euro

Gli attuali fabbricati agricoli saranno recuperati attraverso due lotti che permetteranno di creare alloggi fra gli 80 e i 140 metri quadrati

L’ultima firma comunale è arrivata: ora Borgo Cornalese può trasformarsi in un quartiere di lusso con quasi 400 abitanti e servizi comuni come piscina, campi da tennis e un piccolo teatro.

A fine novembre la Regione aveva approvato il progetto da oltre 25 milioni di euro presentato dall’immobiliare Cornalese insieme ad una cordata di imprenditori e alla famiglia De Maistre, proprietaria di buona parte della storica frazione, nata un migliaio di anni fa. Adesso la giunta comunale ha dato il via libera alle opere di urbanizzazione, cui devono aggiungersi solo più i progetti esecutivi e i permessi di costruire per gli interventi residenziali, che dovranno essere licenziati anche dalla Soprintendenza dei beni architettonici.

L’obiettivo dei privati è partire con i cantieri entro la fine dell’estate: il primo passo saranno i lavori per realizzare fognatura, rete idrica e del gas, illuminazione. Seguiranno l’allargamento della carreggiata sulle strade che costeggiano il borgo, su cui si aggiungeranno le banchine e una pista ciclabile per collegare il nuovo quartiere alla passerella che porta alla provinciale 393 e al centro di Villastellone.

Subito dopo sorgeranno il campo da tennis, il teatrino e una piscina destinata ai nuovi residenti, che dovrebbero essere fra i 300 e i 400: ciò significa aumentare del 10% la popolazione del paese attuale a partire dal 2020, quando dovrebbero essere pronte le prima unità immobiliari.

Gli attuali fabbricati agricoli saranno recuperati attraverso due lotti che permetteranno di creare alloggi fra gli 80 e i 140 metri quadrati. Infine ci sarà un terzo lotto dedicato al mulino esistente e ancora attivo: ospiterà un forno e un museo per ricordare la sua storia, oltre a spazi ricettivi.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo