macchina guidare auto volante dp
Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO

Nudi e spiati

Per me l’auto è una scatola con 4 ruote e un motore che mi porta dal punto A al punto B. E bon. Non amo il lusso, e tantomeno le auto elettriche, costose e silenziose assassine che verranno presto abbandonate dopo aver aggiustato i conti all’automotive ingannando il mondo. Odio anche le auto-robot di oggi, piene di elettronica, monitor, schede, spie, centraline, bip bip e collegamenti a internet, quelle che si parcheggiano da sole ma ti costano un patrimonio se si blocca un software. Fingono di vendertele, ma in realtà te le affittano: tasso reale da strozzini e obbligo di fare i tagliandi in filiale (dove costano il triplo che dal tuo meccanico), se no addio garanzia. Ma siccome al peggio non c’è mai fine, dal 7 luglio 2024 (cioè da dopodomani) la Ue obbligherà ogni auto nuova ad avere la scatola nera, come gli aerei, che registrerà e memorizzerà gli spostamenti della vettura, i chilometri percorsi, la velocità, le eventuali anomalie dei sistemi di bordo, gli allarmi ignorati. Saprà anche se hai bevuto, nufiandoti l’alito con appositi sensori. Che capteranno anche il fumo, quando sarà vietato in macchina. Orwell sghignazza dall’al di là. Loro sottolineano che aiuterà a trovare l’auto in caso di furto e a ricostruire la dinamica degli incidenti, ma non dicono che servirà anche a personalizzare le polizze Rca aumentandole in base allo stile di guida registrato. Con tutti quei dati in pancia, la scatola nera ci renderà inoltre nudi e multabili (da remoto e a posteriori) su tutto. E io mi rifiuto. Cacciatemi pure dall’Eden della virtù obbligata, ma io voglio la foglia di fico. La scelta di peccare. Persino Dio ci ha lasciato il libero arbitrio di fronte al male. La Ue no?

collino@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

News
Vinci TorinoCronaca 2023
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo