moi
Cronaca
IL REPORTAGE

Una notte al Moi per 30 euro e la guerra tra gang di pusher

Le palazzine dell’ex villaggio olimpico e lo sgombero dimenticato

Sui balconi della palazzina blu con i muri scrostati c’è di tutto, mercanzia di ogni genere. Fino a qualche giorno i ferri vecchi si trovavano anche nei cortili, tra tende e baracche, ma non ci sono più; portati via chissà dove, forse nei sotterranei che in parte sono stati “riconquistati” dopo lo sgombero di qualche mese fa. I disperati che vivono al Moi hanno paura d’essere mandati via. Ma hanno anche timore di quelle gang, una composta da senegalesi, l’altra di nord africani, che da settimane all’ex villaggio olimpico fanno il bello e il cattivo tempo. Sono loro che hanno riaperto i sotterranei che ospitano gente di passaggio che al Moi dorme tre o quattro notti e poi cerca di raggiungere la Francia. Un materasso lurido e coperto da cimici può valere anche trenta euro. Lo stesso prezzo che si paga nell’hotel di fronte, ma per essere ospitati lì ci vuole un documento e ovviamente i clandestini non ci vanno.

+++CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI+++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo