tav treno
Il Borghese

Non è solo per un treno

Francamente non ricordo una manifestazione che, seppure orgogliosamente di protesta, nasce con una sorta di carta dei doveri per chi partecipa: da quello di lasciare piazza Castello «pulita come l’avete trovata», al divieto di stendardi di partito (uniche ammesse il tricolore e la bandiera dell’Europa), alla raccomandazione di non schiamazzare e cadere in provocazioni. Unico invito, oltre a quello di esserci, indossare qualcosa di arancione.

Anche nella scelta del colore le sette signore e l’arzillo ex Dc Mino Giachino, non hanno fatto l’errore di essere assimilabili a qualche partito. Dunque parte così, con garbo, questa adunanza nel cuore di Torino che unisce mille anime della nostra città comprese – e con determinazione – venti associazioni di categoria, a partire dall’Unione degli industriali per finire a commercianti e artigiani.

Bella differenza, mi viene da dire, dallo stile No Tav che abbiamo registrato tante volte, tra i fumi delle molotov e il rumore sordo delle pietre lanciate contro i militari posti a difesa del cantiere. Sarà per quello, mentre si riaccende una fiammella di orgoglio in una città problematica come la nostra, che sul fronte grillino si spreca fiato fuori luogo e insulti ingiustificati. Passi per le infelici parole della barricadera Ferrero che per ferire le sette “madamin” ci ha dato pubblicamente dei vecchi rincoglioniti, ma non si possono accettare altri riferimenti, addirittura alla ‘ndrangheta, per bocca di un sindaco che non ho voglia di citare.

In fondo sarebbe solo questione di educazione politica: ascoltare chi dissente dalla dissennata ideologia di fermare la Tav (un danno da miliardi di euro) e rispondere con progetti concreti. Ma questo non piace ai filosofi dell’altra sponda: meglio negare tutto, o – come dice Di Maio – seppellire la Tav come se il progetto fosse già defunto. In piazza, dai numeri, capiremo se la nostra città ha voglia davvero di crescita e di cambiamento. Dietro il treno c’è molto di più.

fossati@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo