Schermata 2017-09-16 alle 08.17.04
Spettacolo
L’INTERVISTA

“Non solo moda e spettacolo. Sogno di fare la veterinaria”

La 19enne Rebecca Bonello terza a “Una Ragazza per il Cinema”

Lunedì scorso ha portato il Piemonte sul podio di “Una Ragazza per il Cinema 2017”, aggiudicandosi il terzo posto e dimostrando ancora una volta come la nostra regione sia una vera officina di grandi talenti oltre che di splendide bellezze. Lei è Rebecca Bonello, studentessa di Chivasso di 19 anni che, accanto alla passione per la moda e lo spettacolo, coltiva l’amore per i cavalli e sogna di diventare veterinaria.

Rebecca, l’11 settembre si è aggiudicata il terzo posto alla finalissima de “Una ragazza per il Cinema”, che emozioni ha provato? 

«Sono stata molto felice e soprattutto sorpresa di essere salita sul podio, perché davvero non ci speravo. Accanto a me avevo ragazze bellissime oltre che bravissime ed è stato incredibile per me riuscire a salire sul podio».

Cosa le è rimasto di quest’esperienza?

«Mi ha aiutata ad aumentare la mia autostima, soprattutto per i tanti complimenti che ho ricevuto, non solo per il mio aspetto ma anche per il mio modo di essere».

Com’è approdata al concorso?

«Per puro caso: la mia agente Mirella Rocca mi ha vista per la prima volta l’anno scorso durante un concorso ippico a cui partecipavo, mi ha subito voluta, e da lì ho iniziato a fare le selezioni per “Una ragazza per il Cinema».

È innamorata?

«Forse!»

Come deve essere un uomo per conquistarla?

«Esteticamente preferirei fosse almeno alto quanto me. Caratterialmente invece deve rispettare me, i miei spazi, incoraggiarmi nelle mie scelte e sostenermi nelle difficoltà di ogni giorno e, soprattutto, farmi ridere e sentire bene con me stessa».

Subito dopo il concorso è tornata tra i banchi di scuola, come coniugherà lavoro e studio?

 «Sicuramente non sarà semplice ma ce la metterò tutta per riuscire al meglio a fare entrambe le cose. Sono una persona estremamente testarda e se mi pongo un obiettivo, non mi fermo fino a quando non l’ho raggiunto».

Cosa vorrebbe fare dopo il diploma? 

«Vorrei continuare gli studi per diventare veterinaria e contemporaneamente, vorrei continuare il mio percorso nel mondo dello spettacolo».

Come si immagina tra dieci anni?

«Spero di essere laureata e di fare un lavoro che ogni giorno mi faccia alzare col sorriso».

Scelga tre aggettivi per descriversi.

«Permalosa, rispettosa, testarda ».

C’è qualcuno che vorrebbe ringraziare?

«Innanzitutto ringrazio i miei genitori che mi sostengono, mia nonna che mi ha accompagnata e sopportata a Taormina, Mirella Rocca che mi ha portata fino a qui, i patron Antonio Lo Presti e Daniela Eramo che mi hanno dato questa grande opportunità e poi il maestro Garrison, Fioretta Mari, Rossella Izzo, il bravissimo Pablo Gil Cagnè con il suo staff, tutti i fotografi e in particolare il mio amico Enzo Ranieri. E infine tutte le ragazze con cui ho stretto amicizia durante questa finale».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo