piazza caselli gn
Cronaca
CHIERI

Non le restituisce il vestitino: match di boxe tra due 17enni

Anche un gruppo di giovani è stato coinvolto nella litigata manesca tra le minorenni

Erano amiche, ma avevano interrotto i rapporti. Una delle due 17enni doveva restituire un vestito all’altra: si sono incontrate ed è cominciata una lite a calci e pugni, di fronte a un gruppo di ragazzi che prima sono rimasti a guardare e poi si sono messi in mezzo per dividerli. Ora lo scontro è arrivato fino alla caserma dei carabinieri di Chieri, dove una delle protagoniste è andata a sporgere denuncia per la presunta aggressione ricevuta. Sulla vicenda le indagini sono appena cominciate: i militari dovranno accertare dove sta la verità in questo rapporto fra due compagne di classe che di recente hanno troncato la loro amicizia. Di certo c’è che, nei giorni scorsi, Sofia ha dato appuntamento ad Eleonora per restituirle quel vestito ricevuto in prestito tempo fa (entrambi i nomi sono di fantasia). Ore 22, ritrovo nel luogo “classico” delle serate chieresi: piazza Caselli, già finita sotto accusa per episodi di violenza fra giovani residenti in città. Sofia è andata da sola all’appuntamento, invece Eleonora era in gruppo con altri ragazzi della loro età. Non è chiaro cosa sia successo al momento dell’incontro ma, in pochi minuti, la situazione è degenerata e le due 17enni hanno finito per prendersi a calci e pugni. Fino a che gli amici sono intervenuti per separarle. Ad avere la peggio, a quanto pare, è stata Sofia: aveva un taglio sulla fronte ed ematomi al collo e sulle braccia. Non è andata subito in ospedale né in caserma: ci ha pensato il papà a segnalare l’accaduto ai carabinieri dopo che la figlia è tornata a casa con le ferite. Poi l’ha accompagnata a sporgere ufficialmente denuncia e si è affidato all’avvocato Chiara Gatto. Ora i militari hanno aperto un’indagine e chiameranno a testimoniare sia la ragazza “accusata” dell’aggressione sia gli amici presenti allo scontro, in modo da sentire la loro versione.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo