Alberto Perino
Cronaca
Alta tensione

No Tav “delusi” dal M5S: spirano venti di rottura in Val di Susa

Il Prc rende nota una lettera in cui lo storico leader del movimento Alberto Perino attacca i pentastellati: “Continuano a fare sterili proclami”

“I Si Tav e Telt fanno i fatti, vanno avanti e lanciano gli appalti. I Cinque stelle continuano a fare sterili proclami invece di fare atti amministrativi”. E’ questo il senso di una lettera, a firma dello storico leader No Tav Alberto Perino, che sarebbe stata fatta circolare in ambienti No Tav. A renderlo noto, in un comunicato, è il segretario provinciale torinese di Rifondazione comunista, Ezio Locatelli, che parla di “scontro frontale in Valsusa tra Movimento No Tav e Cinque Stelle“.

LA LETTERA DI PERINO RESA NOTA DAL PRC
“E pensare che di cartucce da sparare ne avrebbero tantissime per bloccare gli ingranaggi della grande opera. Basta volerlo fare – avrebbe scritto Perino -. Ma per non disturbare il manovratore (Telt e Lega) queste cose non vengono fatte da chi è stato mandato a Roma per bloccare la Tav”. Per Locatelli si tratta della “fine di un idillio”. “Una rottura che avrà ricadute non di poco conto non solo in Valsusa ma più in generale nel rapporto con le istanze di lotta e di movimento sparse a livello nazionale”.

L’AFFONDO DELL’EX SENATORE ESPOSITO
“Anche quel che resta del movimento #notav ha dovuto prendere atto della totale incompetenza del #M5S – commenta su Facebook l’ex senatore Pd Stefano Esposito -. Caro #perino hai proprio ragione, in che mani vi siete messi”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo