Il corteo dei No Tav
Cronaca
IL GIORNO DOPO

No-Tav citano gilet gialli: ascoltare popolo o brutta fine

Per i manifestanti “il mondo si divide in due parti, quelli che lottano per un futuro decente per tutti e quelli che difendono gli interessi di pochi”

Il giorno dopo la manifestazione di Torino, tramite una foto pubblicata su Facebook di alcuni gilet jaunes con la bandiera del treno crociato davanti all’Arco di Trionfo, i No-Tav scrivono:”Come recitava un cartello nel corteo di sabato: chi ascolta industriali e banchieri invece del popolo, finisce male! Governo avvisato… Oltre mille manifestanti arrestati e centinaia di feriti in una rivolta popolare che però non demorde e sta dando esempio a tutta Europa, pubblichiamo questa foto che ci è stata inviata ieri da alcuni No Tav a Parigi”. Concludendo poi, che “il mondo – sottolineano – si divide in due parti, da una parte ci sono i popoli che lottano per un futuro decente per tutti, dall’altra un potere sempre più arroccato che difende gli interessi di pochi”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo