toro-stadio
Sport
L’ANALISI

Nessuno in A come il Toro. Solo 3475 tifosi allo stadio

Granata ultimi e in Serie B c’è chi ha fatto meglio

C’è poca voglia di Toro, i dati sui biglietti venduti tra Cremonese e Atalanta certificano una netta frattura tra la tifoseria e la squadra. Erano meno di 1500 a Ferragosto in Coppa Italia, sono arrivati ad appena 3475 per l’esordio in campionato: il periodo di vacanza non ha aiutato, ma nessuno in Serie A ha avuto sugli spalti meno tifosi del Toro. Inter, Roma e Napoli hanno superato quota 20mila, addirittura Verona e Cagliari, che disputavano gare non certo di cartello contro Sassuolo e Spezia, sono andati oltre i cinquemila spettatori. E pure in serie B, durante le sfide al Del Duca tra Ascoli e Cosenza e al Granillo tra Reggina e Monza, c’erano più tifosi sugli spalti rispetto all’Olimpico Grande Torino. Un mercato che non decolla, le ultime stagioni a rischio retrocessione, la gestione nel suo complesso da parte del presidente Urbano Cairo: il disinnamoramento del popolo granata viene da lontano, ma in questo inizio di stagione ha dato i primi segnali concreti. Nessuno ha perso più tifosi del Toro negli ultimi dodici mesi, con un -12 per cento che deve far riflettere tutto il mondo a tinte granata. La contestazione cresce, ora l’ultimo motivo è dato dal nuovo trasloco della Primavera di Federico Coppitelli. Il settore giovanile è stato affidato a Ruggero Ludergnani, l’ex Spal è riuscito a trovare il campo per i torelli: la squadra, però, dovrà andare a giocare a Biella, un altro schiaffo secondo tanti tifosi che sui social si sono scatenati contro la società. Sul mercato, invece, si scaldano le uscite: Lyanco è ormai del Southampton, Rincon può tornare al Genoa, Izzo sta decidendo se accettare il Cagliari. In entrata, invece, oggi sarà il giorno di Pobega, atteso sotto la Mole in prestito secco dal Milan. Il dt Vagnati continua la caccia a un difensore, le opzioni sono Walukiewicz del Cagliari, Becao dell’Udinese, lo svincolato Mustafi, Gigot dello Spartak e Kabak, turco classe 2000 dello Schalke 04.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo