SanDonato
Cronaca
SAN DONATO

Nel borgo è allarme spazzatura: «Discariche lungo le ecoisole»

Il quartiere, che conta 15mila abitanti, critica il nuovo sistema di differenziata

Discariche a cielo aperto sui marciapiedi. Via Don Borso, via Peyron, via Vidua, via Aquila e via Vicenza, e l’elenco potrebbe continuare ancora. A lanciare l’allarme sono residenti e comitati di San Donato, dove da febbraio 2021 è attiva la raccolta differenziata con le eco-isole. Un anno e mezzo con più luci che ombre, al punto che gli abitanti ora chiedono al Comune di intervenire. 

«Raccoglieremo le firme – afferma Laura Zoccali del comitato San Donato-Martinetto – perché la situazione è insostenibile. Per le strade ci sono i topi, che non vedevamo da 15 anni, facciamo slalom tra i sacchetti dell’immondizia gettati fuori dalle campane e quando fa caldo c’è una puzza intollerabile».

Un grido d’allarme raccolto dalla Lega, prima a livello di Circoscrizione e poi in Comune. «San Donato ha 15mila abitanti – afferma Carlo Morando, consigliere leghista alla Quattro – e il numero delle ecoisole non è adeguato. Questo problema lo monitoriamo da diverso tempo, ora servono interventi». Ma non è solo il numero delle campane “smart” a essere limitato.

Nel mirino finiscono anche gli operatori ecologici che, a detta dei residenti, non passerebbero con frequenza a ritirare la spazzatura. E poi, le cosiddette “utenze fantasma”, abitanti negli alloggi senza residenza o domicilio o irregolari che, senza tessera, abbandonano i rifiuti per strada. Un problema, questo, che si è verificato anche a San Salvario.

«Chiediamo al Comune di intervenire. Il sindaco Lo Russo e l’assessora Foglietta, anziché parlare solo in consiglio, vadano a vedere lo scempio che è diventato San Donato», attaccano i consiglieri comunali Elena Maccanti e Giuseppe Catizone, che hanno portato il caso all’attenzione di Asl e Arpa. Al Comune viene chiesto di rimodulare i passaggi di Amiat: un primo passaggio per togliere i sacchi, il secondo per sollevare e svuotare l’ecoisola e il terzo per pulire.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo