federico bellezza
Cronaca
IL FATTO

Nei guai l’imprenditore playboy: sequestrato lo yacht di 32 metri

La Finanza sull’imbarcazione di Federico Bellezza, rampollo della Torino bene

In «Giovani e Ricchi», la trasmissione del 2016 che su Rai 2 mostrava al grande pubblico la vita di rampolli ed ereditieri di grandi fortune, i «rich kids» di casa nostra: lo si vedeva preparare in valigia i suoi tre Rolex, da portare con sé per un fine settimana a Cannes, in modo da poterli «abbinare» all’abito che avrebbe indossato. Viste le immense possibilità economiche di Federico Bellezza, torinese 28enne, viene da pensare che per il figlio di un noto imprenditore titolare di una società di robotica industriale, Massimo Bellezza, non sarà un grande trauma il sequestro del suo mega yacht di 32 metri, ormeggiato a Sanremo e ora sotto sigilli. Il papà, noto negli ambienti torinesi come un imprenditore visionario, in pochi anni ha trasformato la Cpm in un grande player internazionale, sviluppando brevetti innovativi e una tecnologia che ha ridisegnato la fabbrica tradizionale. Iln provvedimento di sequestro, eseguito dai militari della Guardia di Finanza di Milano nell’ambito di un’indagine per autoriciclaggio e reati fiscali, è stata condotta dal pm Paolo Storari. L’imbarcazione, secondo quanto riferiscono le Fiamme Gialle in una nota ufficiale, «era stata acquisita con somme di denaro frutto di evasione fiscale, con la complicità di alcuni fiduciari italiani ed esteri. Sulla carta lo yacht era di una società britannica, ma di fatto era riconducibile a Massimo Bellezza (già condannato per frode erariale) e al figlio Federico». Quest’ultimo, peraltro, non si priva del gusto di esibire la sua vita extralusso sulla sua pagina Instagram (seguita da oltre 38mila persone), pubblicando immagini anche a bordo del suo yacht. Il giovane della “Torino bene”, insieme ad altri ragazzi privilegiati, aveva preso parte al programma televisivo di Rai 2, che era finito al centro di numerose polemiche proprio per l’ostentazione di questa ricchezza sfrenata.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo