dehors smontabili po
Cronaca
LUNGO PO

Murazzi, via libera per i dehors mobili: «Arriveranno la prossima primavera»

Le nuove strutture svizzere potranno essere smontate in un’ora per evitare gli allagamenti

Via libera del Consiglio comunale alla delibera che prevede l’installazione dei nuovi dehors smontabili ai Murazzi. Le nuove strutture “Protego” realizzate dall’azienda svizzera Trusttecnology potranno essere smontate in poco tempo per essere così salvate dalla piena del Po. «Il primo prototipo verrà installato a ottobre davanti al ristorante nippo-brasiliano Bomaki e nella prossima primavera verranno piazzati anche i nuovi dehors davanti ai locali degli altri cinque aggiudicatari per una superficie complessiva di oltre 700 metri quadrati» spiega Davide Franchina, l’architetto incaricato della riqualificazione delle aree esterne dei Murazzi. «Dopo aver effettuato uno studio idrogeologico basato sui dati forniti dall’Arpa abbiamo sviluppato queste nuove strutture customizzando quelle dell’azienda svizzera – spiega l’architetto -, saranno pieghevoli, potranno essere smontate in un’ora e saranno completamente automatizzate. Si muoveranno con due motori, potranno essere sganciate dal terreno e attraverso le ruote estraibili potranno essere trasportate agevolmente all’interno dei locali». La ristrutturazione dei sei locali che ospiteranno ristoranti e cocktail bar dovrebbe terminare a marzo del prossimo anno in contemporanea con la realizzazione dell’area esterna. «In totale – spiega Franchina – abbiamo progettato ben 1.400 metri quadrati: sei dehors da 120 metri quadrati ciascuno per un totale di 720, a cui si aggiungono altri 720 metri quadrati di terrazze sul fiume». Un enorme spazio esterno dunque a disposizione dei clienti che a partire dalla prossima primavera, Covid permettendo, potranno finalmente ripopolare i tanto amati Murazzi dopo quasi dieci anni. Da quando la magistratura nel 2012 aveva predisposto la chiusura della maggior parte delle discoteche e birrerie presenti per varie irregolarità amministrative e igienico-sanitarie.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo