AuroraMovida
News
AURORA Residenti preoccupati: «Auto e scooter posteggiati ovunque, bar sempre aperti»

Movida notturna e malasosta: «Nel quartiere non si dorme»

Schiamazzi, vetture in doppia fila, immondizia: gli abitanti di corso Brescia e via Aosta sono esasperati

Gli schiamazzi a tarda notte, l’assillo di non poter dormire nel fine settimana. E poi la sosta selvaggia, un vero e proprio incubo da queste parti. Con le auto parcheggiate perennemente in doppia fila, magari con un paio di ruote sul marciapiede. Sono le preoccupazioni dei residenti di corso Brescia e via Aosta, da tempo impegnati nella lotta al degrado. L’ultimo problema è quello legato alla movida. «Non tanto quello che succede nei locali – racconta Rosa, autrice di una segnalazione – quanto quello che succede dopo le 3 di notte».

L’immondizia che si accumula nei cortili, in particolare le bottiglie e i cocci di vetro, intasa i tombini e riempie i marciapiedi dopo ogni serata di festa. Ma il dito dei residenti del quartiere Aurora è puntato contro quei bar che tengono aperto fino a tardi, o che magari non chiudono mai, diventando il punto di ritrovo di chi cerca senza sosta un’ultima birretta.

Come denuncia da anni anche il capogruppo di Fdi della circoscrizione Sette, Patrizia Alessi. «Il problema – accusa Alessi – è il controllo del territorio. Troviamo, tutta la notte, macchine parcheggiate ovunque e muri imbrattati. Anche per colpa dei soliti noti. Non è possibile che si usino due pesi e due misure, intervenendo soltanto per contrastare il fenomeno in alcune zone della città».

Il disagio che si viene a creare, quando il popolo della notte affolla corso Brescia e le vie limitrofe, è reale. Con le auto che danneggiano le transenne sul marciapiede e quel vociare fuori dai bar che finisce per togliere il sonno ai residenti, specialmente ai più anziani. Ci sono poi le voci di coloro che si svegliano all’alba, magari per andare a lavoro, e si ritrovano i marciapiedi ridotti a un letamaio. Con urina, vomito e alcol ovunque.

«Anche qui – spiegano i residenti – il problema è di chi alle 4 o alle 5 di notte continua a tenere aperto per racimolare qualche euro. Poi al mattino siamo noi a dover fare i conti con la sporcizia o, peggio, con gli atti vandalici».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo