barriera sangue
Cronaca
IL FATTO

Movida, maxi multe a San Salvario: rissa e sangue in Barriera, un ferito

Quattro negozi controllati, 45 identificati e 41mila euro di sanzioni. Lancio di bottiglie in via Malone

Urla, lanci di bottiglie e vetri spaccati utilizzati come armi. È il trailer del solito film andato in onda sabato sera in Barriera di Milano. Con una rissa tra alcuni soggetti iniziata in via Malone angolo via Santhià e terminata poco dopo in via Monte Rosa. Sul posto sono intervenute le pattuglie della polizia di Stato con l’aggiunta del 118. Due i soggetti fermati, uno ferito in maniera non grave è stato trasportato da un’ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco. Per terra qualche chiazza di sangue, preoccupati i cittadini: «purtroppo ogni giorno succede qualcosa, è difficile restare tranquilli». Sui numerosi casi, compreso quello dell’uomo beccato a spasso con mannaie e coltelli, chiederà chiarimenti anche il capogruppo di Fdi in Circoscrizione 6, Verangela Marino.

Sempre nel weekend non sono mancati i controlli da parte della polizia di Stato insieme alla polizia municipale e all’Asl To1 per quanto riguarda la questione della malamovida. Gli agenti in servizio a San Salvario hanno messo sotto torchio quattro esercizi commerciali, identificato 45 persone ed elevato multe per 41mila euro. Un bottino a cui aggiungere i due locali chiusi a Vanchiglia, tra venerdì e sabato, in via Cesare Balbo. In sintesi multe per oltre 5mila euro a una gastronomia di via Berthollet, dove sono state riscontrate scarse condizioni igienico sanitarie, e per oltre 9mila euro a un bar di via Nizza dove sono state riscontrate carenze di tipo igienico sanitarie per la scarsa pulizia del locale e nella somministrazione degli alimenti. In un secondo locale in via Nizza sono stati sequestrati 58 chili di alimenti, trovate blatte e sporcizia costate al titolare quasi 11mila euro per numerose violazioni di tipo amministrativo. Infine in un locale in via Galliari sono stati identificati 11 clienti e applicata una multa da 8.500 euro per l’apertura abusiva di attività di pubblico spettacolo con annessa attività di somministrazione e un’altra da 5mila euro per la presenza di 11 lavoratori irregolari su 17.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo