Ecomuseo
Cultura
VIA SAN GAETANO DA THIENE

Mostre, corsi, studio, spazi per i giovani: il progetto polo culturale nell’ecomuseo

La gestione dei locali, per un anno, all’associazione “Libere gabbie”

Un futuro di stampo culturale per la rinascita dell’ecomuseo urbano di via San Gaetano da Thiene. È stato presentato in Circoscrizione 6, in quinta commissione, il progetto con cui viene affidata a “Libere gabbie” la gestione, per un anno, degli spazi dell’ecomuseo del quartiere Regio Parco. «Hanno una progettazione molto interessante – ha raccontato il coordinatore alla Cultura della Sei, Alessandro Sciretti -, che non ha ricevuto critiche. La nostra idea è trasformarlo in polo culturale con programmazione che ci auguriamo in futuro diventi pluriennale. Ci piacerebbe che quel territorio diventasse un punto di riferimento, non solo per tutto il Regio Parco ma per l’intera zona di Torino nord».

Il programma

Corsi, mostre, spazi studio, attività di interazione, attività con i ragazzini alcune delle proposte per il recupero della struttura. Con spazi aperti, eventualmente, anche a nuove realtà associative. «Crediamo – spiega Sciretti -, di poterlo trasformare in un polo culturale di qualità e alto livelo. Aperto a tutti, se possibile. Con “Libere gabbie” questo progetto si potrebbe concretizzare».

Gli altri ecomusei

Un lampo di luce nel buio. La situazione ecomusei urbani a Torino è, da tempo, preoccupante. Il progetto “Eut” è, oggi, in profonda crisi. Nel 2011 il Comune stesso ha interrotto i finanziamenti, così i centri civici hanno cominciato a studiare diverse forme per sostentare le loro strutture. Gli spazi della 2, a Mirafiori, non sono disponibili per mancanza di spazi e personale. Quello della 8 viaggia verso il trasloco, da corso Corsica a corso Moncalieri. Nelle Circoscrizioni 5 e 7 sono dismessi. Alla 3 servono urgenti opere di ristrutturazione mentre l’edificio della 4 è diventato un centro di valorizzazione. Tutti motivi che rendono la valorizzazione degli spazi di via San Gaetano davvero molto importanti.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo