ettore rosboch
Cronaca
CASTELLAMONTE

Morto il papà di Gloria Rosboch: maledì gli assassini della figlia

Era malato da tempo, lascia la moglie Marisa. Domani le esequie

Sono ore di lutto e profondo cordoglio a Castellamonte per la scomparsa di Ettore Rosboch, il papà di Gloria, la professoressa barbaramente uccisa a 49 anni, nel 2016, da Gabriele Defilippi con la complicità di Roberto Obert. Ettore Rosboch è stato uno dei volti di quell’assurda e sanguinosa tragedia che consegnò il Canavese, e Castellamonte in modo particolare, alle cronache nazionali. Ettore Rosboch c’è sempre stato, nonostante gli acciacchi dell’età, e ha vissuto in prima persona quello che è accaduto, seguendo anche i processi che, nel corso degli anni, hanno fatto chiarezza sulle responsabilità dell’omicidio della sua unica figlia Gloria. I funerali si terranno domani alle ore 15 nella Chiesa Parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo. Ettore Rosboch aveva 90 anni. Lascia la moglie Maria Luisa (Marisa). Il corteo funebre partirà dall’abitazione della famiglia Rosboch e dopo la funzione religiosa, si proseguirà per il cimitero di Castellamonte della cittadina canavesana, dove Ettore sarà tumulato accanto alla sua unica figlia. Ed è proprio in quel cimitero che, durante le esequie della professoressa, Ettore Rosboch prese inaspettatamente la parola e rivolgendosi agli assassini della figlia, gridò: «Io vi maledico, per voi non ci sarà alcun perdono». E così è stato. Il padre di Gloria Rosboch, come del resto la signora Marisa, non hanno mai perdonato Defilippi e Obert, nonostante loro abbiano più volte chiesto scusa, asserendo di essersi pentiti. Un’altra convinzione del signor Ettore, è sempre stata quella che i due killer abbiano in seguito e anche nelle ore successive il delitto, ottenuto la complicità di altre persone, ma le indagini e i processi non lo hanno mai accertato.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo