IL GIALLO

Morte di Viviana Parisi: mistero fitto sulla sorte del figlio Gioele. Ancora nessuna traccia del bimbo di 4 anni

Da giorni si setaccia la boscaglia dove è stato rivenuto il cadavere della 43enne ma il piccolo sembra essere volatilizzato nel nulla

La dj torinese Viviana Parisi e il figlio Gioele

Mistero fitto sul caso della dj Viviana Parisi, la 43enne originaria di Torino, scomparsa lunedì 3 agosto insieme al figlio Gioele, di 4 anni. E poi ritrovata cadavere, due giorni fa, ai piedi di un traliccio dell’alta tensione, nei boschi di Caronia, nel Messinese.

RICONOSCIUTA DALLA FEDE
Che si tratti di lei non sembrano esserci più molti dubbi. Nonostante il corpo fosse sfigurato, reso irriconoscibile per la sua esposizione all’aria aperta e l’accanimento degli animali selvatici, la donna è stata riconosciuta tramite la fede, le scarpe e una catenina.

IN ATTESA DELL’AUTOPSIA
Da un primo esame del cadavere, gli inquirenti ritengono che la morte risalga a diversi giorni fa. C’è comunque attesa per l’esito dell’esame autoptico: solo questo, infatti, potrà chiarirà ogni dubbio sulle cause del decesso. Nel frattempo continuano senza sosta le ricerche del piccolo, di cui non si hanno più notizie dopo l’incidente stradale che si è verificato il giorno della sparizione lungo l’autostrada Messina-Palermo.

DOPO L’INCIDENTE LA DONNA SI ALLONTANA
Subito dopo quell’incidente, Viviana Parisi si incamminò con Gioele in braccio, abbandonando la vettura sulla sede autostradale, facendo perdere le proprie tracce. Fino al macabro ritrovamento di due giorni fa.

Ancora troppi i dubbi che assillano gli inquirenti. a 43enne, conosciuta negli ambienti musicali con il nome “Viviana Express”, era originaria di Torino, dove vive tuttora la sua famiglia, ma si era trasferita da qualche anno in Sicilia dove aveva messo su famiglia.

DI GIOELE NESSUNA TRACCIA
Del caso si stanno occupando gli agenti della Polstato. Ma dai vigili del fuoco, alla guardia di finanza, passando per la forestale e tutti coloro che sono coinvolti nelle ricerche del piccolo Gioele, nessuno tralascia nulla. E tutte le ipotesi vengono prese in considerazione.

NON SI E’ BUTTATA DAL TRALICCIO
In un primo momento si era pensato all’ipotesi del suicidio. Il corpo di Viviana, infatti, è stato trovato ai piedi di un traliccio. Da qui l’ipotesi che la 43enne possa essersi arrampicata lì sopra e da lì, poi possa essersi lanciata nel vuoto. Una ricostruzione che non ha convinto i familiari della donna, ma che poi, col passare delle ore, è andata via via, perdendo peso. Fino all’esclusione della pista da parte degli stessi investigatori i quali hanno notato che l’impalcatura elettrica non è stata proprio toccata.

LO SFOGO DEL PADRE DI VIVIANA
Lo stesso Luigino Parisi, padre di Viviana, ha ammesso di non credere a questa ipotesi. L’uomo, che vive a Torino, dove, prima di andare in pensione, era autista di autobus, è ora in viaggio per la Sicilia per andare a vedere il corpo della figlia. “L’hanno uccisa. Viviana non si sarebbe mai fatta del male, era troppo affezionata a suo figlio, a mio nipote…”, ha detto ieri tra le lacrime.

RICERCHE CON DRONI E CANI MOLECOLARI
Intanto, come detto, ogni angolo più nascosto dei boschi della Caronia, viene battuto dalle squadre di ricerca che hanno richiesto anche di decespugliare la zona. Sono stati chiamati in azione pure i sommozzatori e la forestale. E sono stati messi in campo anche i droni e i cani molecolari. “Chi ha visto parli” è stato l’appello della Procura di Patti che lascia aperta ogni pista sull’accaduto. Dall’incidente ad un incontro sfortunato, sino a un gesto estremo.

AGGREDITI DAGLI ANIMALI SELVATICI?
A tal proposito, gli investigatori non escludono che mamma e figlio possano essere stati aggrediti o uccisi o che, addirittura, possano essere stati assaliti e dunque ammazzati da un branco di animali selvatici. Insomma, tutto può essere accaduto. “Ma solo l’autopsia potrà dirci come è deceduta Viviana”, ha detto il procuratore capo di patti Angelo Cavallo.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single