CORSO SALVEMINI

Montascale ko da quattro mesi: una vita da incubo per i disabili

Per l’Atc: «la messa in funzione spetta agli inquilini utilizzatori»

Per la signora Claudia, le barriere architettoniche stanno diventando una maledizione. Lei, che per 15 anni ha vissuto nell’antico stabile Atc di via Tripoli, senza l’ascensore, adesso si è ritrovata la grana del montascale. Ma è in buona compagnia, perché alla scala 9 di corso Salvemini 25 ci sono altri tre inquilini disabili. «Sono invalida al 100% e il montascale non funziona più da maggio», lamenta la donna, che per salire e scendere deve chiedere aiuto al figlio o agli altri vicini di scala.

«Ci aiutiamo a vicenda ogni giorno, ma non possiamo andare avanti così, qualcuno rischia di farsi male e questa macchina è fuori uso da quattro mesi», racconta Tony, che ha anche lui i suoi problemi perché deve aiutare la madre 91enne invalida. L’altro ieri mattina, gli inquilini della scala 9, radunati nel giardino, erano più arrabbiati che mai. Del resto, questi palazzi hanno già altri guai, ad esempio le occupazioni abusive delle famiglie nomadi contro le quali a maggio era partita una raccolta firme. «Ci mancava solo il montascale guasto». Del caso si è interessato anche Riccardo Prisco, consigliere Pd in circoscrizione Due.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single