VIA PERTENGO

«Il mio centro chiuso da 9 mesi. Ora sogno di riaprirlo nel 2021»

Il virus ha bloccato le attività. Il presidente: «Anziani categoria più a rischio, non potevamo far finta di nulla»

Il centro d’incontro di via Pertengo

Per anni quello di via Pertengo è sempre stato considerato un centro anziani troppo piccolo per dare asilo a tutti i pensionati del quartiere Rebaudengo. Tanto che, più volte, il presidente della struttura, Bernardo Moscariello, aveva espresso a mezzo stampa il desiderio di trovare una nuova sede. Più grande, in grado di accogliere tutti coloro che richiedevano una tessera. Storie pre Covid, verrebbe da dire. Sì perché con il virus le cose sono cambiate, anche drasticamente.

Oggi il centro d’incontro della Sesta circoscrizione è chiuso, ormai, da nove mesi, dallo scorso febbraio. Quando l’emergenza sanitaria ha imposto le prime restrizioni che poi via via si sono trasformate in un lockdown nazionale che non ha lasciato scampo a nessuno o quasi. «Gli anziani, d’altronde, sono la categoria più a rischio – racconta Moscariello -, e noi non potevamo far finta di nulla. Così io per primo ho chiuso, senza aspettare che mi venisse imposto dall’alto».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single