Uno dei cartelli apparsi in via Caluso
News
VIA CALUSO

Minacce di morte contro i cani: «Li ucciderò tutti con il veleno»

Mentre a Campidoglio spunta polvere di peperoncino a fianco dei negozi

Il cartello parla chiaro e fa decisamente rabbrividire. «Da domani la strada sarà piena di veleno. Così con la morte dei vostri cani forse capirete che avete sbagliato». Il messaggio, apparso in via Caluso, nel quartiere Madonna di Campagna, è indirizzato ai padroni degli amici a quattro zampe. Non è un solo messaggio, in verità, perché nella via se ne trovano diverse di minacce. E tutte diverse l’una dall’altra. Ma la mano, guardando la calligrafia, sembra essere sempre la stessa. La mano di chi odia non tanto gli animali quanto gli escrementi comparsi sul marciapiede. E lì la colpa è effettivamente dei padroni incivili che trasformano alcune strade in percorsi ad ostacoli. «Ma questo – accusano i cittadini – non deve portare le persone a vendicarsi contro i cani, che non hanno alcuna colpa degli errori degli esseri umani».

Padroni di cani in allerta anche nel quartiere Campidoglio. E’ solo di poche ore fa infatti, il post sulla pagina Facebook “Torino quartiere Campidoglio”, che segnala la presenza di polvere di peperoncino agli angoli di via Fiano, accanto alle serrande dei negozi, vicino ai dissuasori di parcheggio e ai bordi dei marciapiedi. L’ennesima pensata di qualcuno per scoraggiare gli amici a quattro zampe a “sporcare” per la strada: una lezione che forse si vorrebbe impartire ai padroni maleducati, peccato che l’ingestione della spezia piccante possa provocare all’animale che dovesse ingerirla, danni alle mucose e fastidi non da poco all’intestino, non strutturato per digerire e assimilare questi alimenti.

Dopo i bocconi avvelenati, quelli pieni di chiodi e i cartelli minacciosi, arriva dunque anche la grana del peperoncino. E sul web, specialmente sulle pagine Facebook, gli utenti invocano il senso civico dei padroni dei cani. Invitandoli a raccogliere gli escrementi evitando così il verificarsi di situazioni poco piacevoli.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo