san mauro strada
Cronaca
SAN MAURO

Minacce a negozianti e inquilini: paese ostaggio di una residente

Il caso, che dura da tre anni, è finito in consiglio comunale e pure in Procura

Minacce ripetute ai condomini e ai negozianti, aggressioni verbali e fisiche. Un caso di cui si è discusso in consiglio comunale e che è finito anche sul tavolo del Tribunale di Ivrea. A San Mauro, da circa tre anni la vita di molti cittadini è turbata da una donna che si aggira per bar, locali e negozi del paese con fare molesto, e che rende l’esistenza insostenibile per gli inquilini del condominio in cui abita, situato nel centro del paese. Insulti, minacce, e in alcuni casi si è anche arrivati alle mani.

A non poterne più sono i negozi. Così Paola Giangualano, presidente dei commercianti del centro: «Molti negozianti denunciano da anni il problema, senza successo. I carabinieri sono stati chiamati più volte, io ho sollevato personalmente il caso sia alla vecchia amministrazione che a quella attuale. Ma è tutto inutile». Tra gli episodi di cui la donna molesta si sarebbe resa protagonista ci sono lanci di bottiglie – uno di questi avrebbe anche causato l’incidente di un ciclista -, sputi, insulti, mentre nel condominio in cui abita avrebbe messo le mani addosso a un’altra donna.

«Alcuni locali – prosegue Giangualano – hanno speso dei soldi e piazzato le telecamere per proteggersi, una commessa si è presa uno sputo in faccia, un’altra si è sentita male dopo le ripetute minacce e un negozio ha dovuto nascondere gli alcolici». Su quest’ultimo punto, il Comune ha anche chiesto in passato ai baristi di evitare di dare da bere a soggetti potenzialmente pericolosi, per evitare guai peggiori. Non una vera e propria ordinanza, ma un “consiglio” dato agli esercenti, specie a quelli che somministrano e vendono bevande alcoliche.

Tra i cittadini che più si sono attivati per cercare una soluzione c’è Massimo Collura: «Abbiamo fatto denunce, querele, le forze dell’ordine conoscono perfettamente la problematica – afferma – eppure da tre anni non si trova la soluzione. Siamo stufi di subire ingiurie, molestie e minacce da parte di una persona che continua a recare disturbo alla popolazione di San Mauro».

Come detto, il caso della molestatrice seriale è finito anche in uno degli ultimi consigli comunali, grazie a un’interrogazione presentata dalla consigliera Paola Antonetto di Fratelli d’Italia: «Questa persona turba la quiete pubblica e nonostante le denunce non è stato fatto nulla. Commercianti e cittadini vanno tutelati», afferma. Questa la replica del sindaco di San Mauro, Giulia Guazzora: «Abbiamo fatto diverse riunioni. C’è una procedura in corso e interloquiamo costantemente con la famiglia, con i legali e con le forze dell’ordine». Nel frattempo, le denunce ai carabinieri – almeno quattro, dall’inizio degli episodi – non avrebbero prodotto alcun tipo di risultato. Tra i negozianti del paese regna un senso di esasperazione: «Ci siamo stancati anche di segnalare gli episodi, perché finora non è successo niente di buono. Confidiamo ancora che qualcuno possa risolvere il problema e che non accadano cose peggiori in futuro».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo