CORSO GROSSETO La denuncia di un commerciante: «Vigili scorretti, sostano anche in doppia fila»

«I miei clienti multati dall’auto civetta»

Basta fermarsi un paio di minuti per acquistare un panino per beccare una contravvenzione: dentro il mezzo c'è chi riprende tutto

Un furgoncino bianco, privo di scritte, procede a passo d’uomo e con le quattro frecce lungo corso Grosseto. Da giorni è l’incubo di negozianti e clienti, in quanto chi c’è sopra filmerebbe le auto in sosta tramite una telecamera, per poi recapitare le multe a casa. A denunciare il fatto è Franco Lorenti, che nel corso è titolare di ben tre attività.

«Una cosa scorrettissima», sbotta al telefono. Ed è stato proprio lui a scoprire che quella vettura è di proprietà del Comune di Torino, grazie a una verifica effettuata al computer nel suo centro servizi. Ma Franco non è il solo in corso Grosseto ad aver notato la strana presenza, che a quanto pare fa capolino in più occasioni.

«Anche altri commercianti ne parlano, soprattutto dietro segnalazione dei clienti». Certo, la sosta in doppia fila non si può fare. «Ma così è troppo, perché basta un amen per ricevere una multa». E lui, purtroppo, di verbali ne ha presi. «Ho una gastronomia, è normale che per fare le consegne l’auto deve rimanere qualche minuto davanti al locale. Ma ormai le contravvenzioni quasi non le conto più». Al punto che ora si è stufato e ha deciso di fare fagotto. «Ho dato disdetta a tutti e tre i locali e mi sposterò altrove. Qui non si può vivere. Il cantiere è infinito, i vigili passano di continuo e ora abbiamo anche le auto-civetta. Per non parlare degli sgravi, assolutamente ridicoli».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single