Lionel Messi (Depositphotos)
Sport
MONDIALE QATAR 2022

Messi-Alvarez, lo show che vale la finalissima: battuta la Croazia 3-0

Messi dà spettacolo, Alvarez è il trascinatore: l’Argentina travolge la Croazia ed è la prima finalista al Mondiale in Qatar. Troppa Selecciòn per i balcanici, che crollano per 3-0 e abbandonano il sogno di potersi giocare la coppa del mondo. Per il granata Vlasic e compagni, però, ci sarà la possibilità di arrivare al terzo posto. La nazionale di Scaloni, invece, impressiona per doti offensive e capacità difensive, con il portiere Martinez che di fatto non compie nemmeno un intervento. Per mezz’ora è equilibrio assoluto, poi l’episodio che sblocca la gara: i centrali croati Lovren e Gvardiol si aprono clamorosamente, Alvarez viene lanciato da Enzo Fernandez ed è travolto da Livakovic. L’ex bianconero Mandzukic, ora collaboratore del ct Dalic, è espulso per proteste per la decisione dell’italiano Orsato, dal dischetto Messi realizza di forza e potenza, infilando sotto la traversa. È il momento peggiore per i croati, che cinque minuti dopo subiscono il raddoppio: Alvarez parte palla al piede dalla sua metà campo e, tra caparbietà e fortuna, vince due rimpalli prima di arrivare a superare Livakovic. L’Argentina ipoteca la finale già nei primi 45 minuti, Dalic cerca la scossa nella ripresa da Vlasic ma, pur con un ingresso pimpante del giocatore di Juric, la sua squadra crolla al 69’: Messi fa impazzire i difensori balcanici e fa tutto da solo, è ancora Alvarez a sfruttare la magia della Pulce e a firmare il 3-0. È solo il 69’, ma l’Argentina non abbassa mai la concentrazione e nel finale c’è spazio anche per Dybala, mentre Di Maria rimane a guardare i compagni dalla panchina perché non è ancora al 100 per 100. La Selecciòn conquista la finale di domenica pomeriggio, a otto anni dall’ultima volta, ora aspetta la seconda semifinalista che uscirà dal confronto di questa sera tra Francia e Marocco. La Croazia, invece, si giocherà contro la perdente il gradino più basso del podio: l’appuntamento è per il giorno prima, sabato 17 dicembre.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo