Matteo
News
LA STORIA

Matteo ha rischiato di morire: «Ora sogna di nuovo il mare»

L’appello di papà Gianni per il figlio 14enne, portatore di tracheotomia e di Peg

L’aria del mare, il sole e tanto relax. Papà Gianni e mamma Maria sanno bene quali sono i bisogno del loro piccolo Matteo. Un bambino di 14 anni portatore di tracheotomia e di Peg e affetto, sin dalla nascita, da una grave cerebropatia. Residente in zona Lucento ma troppo spesso in giro per gli ospedali torinesi, sempre con i genitori al seguito. «Per lui – racconta il papà – facciamo i salti mortali».

Matteo, solo poche settimane fa, ha di nuovo rischiato la vita. E tutto per colpa di una maledetta polmonite. Ancora una volta sono state settimane lunghissime per papà Gianni e mamma Maria che dopo quell’incubo sono tornati a vivere. Con un sogno: quello di riportare Matteo al mare, per vedere le onde che si infrangono sugli scogli e per respirare quell’aria a lui tanto cara. Negli ultimi tempi si è avvicinata al bimbo anche la Nazionale Italiana dell’Amicizia, con il solito impareggiabile tributo verso i bimbi in difficoltà. Matteo, ricordiamolo, soltanto al mare, riesce a poter vivere senza l’uso dell’aspiratore.

Dimenticandosi, almeno per il periodo della vacanza, di essere portatore di tracheotomia e di Peg e affetto da una grave cerebropatia che di certo non gli rende la vita facile. «In passato siamo riusciti a vedere Diano Marina – racconta Gianni -. E siccome ogni tanto i sogni si avverano spero che qualcuno risponda a questo nostro nuovo appello: Matteo ha bisogno dell’aria del mare». Chi volesse aiutare la famiglia a coronare il loro sogno può chiamare ogni giorno al numero di telefono 347.9045910 o visitare il sito www.iosonomatteo.it.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo