Il fatto è avvenuto nel maggio del 2014

Massacra il cane a martellate tagliandogli la gola per il troppo stress

Un operaio è stato condannato a 4 anni di reclusione dal tribunale di Ivrea

Ha massacrato il proprio cane per sfogare lo stress. Un esecuzione terribile: l’animale è stato ammazzato a martellate dopo che il suo stesso padrone gli aveva tagliato la gola.

Così un operaio di Mazzè, in provincia di Torino, è stato condannato a quattro mesi di reclusione questa mattina al tribunale di Ivrea, per l’episodio avvenuto nel maggio di tre anni fa.

All’epoca a scoprire il fatto furono i carabinieri, allertati dai lamenti del meticcio di grossa taglia. Le associazioni animaliste insorsero contro il proprietario del cane, che aveva appena perso il lavoro.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single