Schermata 2017-06-13 alle 08.22.37
News
MONCALIERI

Mamma e cuccioli chiusi in un sacchetto abbandonati sotto il sole vicino al rifugio

I gatti sono stati trovati e salvati da una passante. Presto saranno adottabili

Un trasportino per gatti, infilato in un sacchetto di plastica chiuso e con all’interno una gatta e i suoi quattro piccoli cuccioli appena nati, è stato trovato a pochi metri dall’ingresso del rifugio per cani e gatti “Albero di Mais”, di corso Savona a Moncalieri. È stata un’automobilista che passava per caso in macchina a notare il sacchetto, seminascosto come se chi lo ha messo non volesse farlo trovare subito, e ad avvertire le volontarie del rifugio. Sotto 35 gradi battenti, i gattini dentro quel sacchetto di plastica sarebbero sicuramente morti se le ragazze dell’Albero di Mais non li avessero subito portati al sicuro. Una vergogna che segue quella di pochi giorni fa a Nichelino, dove ignoti hanno abbandonato e chiuso una cagnolina di pochi mesi all’interno di un’area cani in via Bengasi.

Purtroppo arriva l’estate e l’incubo abbandoni degli animali, come ogni anno, ritorna. Ma nel caso di questi gattini c’è anche l’aggravante di aver agito in un modo barbaro (voluto?) mettendo a rischio la loro vita. «Siamo rimaste sconvolte – hanno raccontato le volontarie -, ci capita molto spesso che ignoti lascino dei trasportini davanti al cancello con dentro dei gatti, ma è la prima volta che chi ha deciso di abbandonarli ha anche voluto nasconderli appositamente e per di più chiusi dentro un sacchetto sotto il sole cocente di giugno. Sarebbero morti in un modo atroce e questa è vera cattiveria».

Mamma gatta, di circa due anni, sta bene ma non ha latte per nutrire i piccoli, probabilmente come conseguenza del trauma subito. I cuccioli, al massimo di due settimane di vita, erano terrorizzati ed accaldati. Sono le ragazze del rifugio che in questi giorni stanno allattando i mici con dei piccoli biberon per rimetterli in forze per poi iniziare lo svezzamento. «Al momento per nessuna ragione possono essere affidati spiegano dall’Albero di Mais -, non possono essere visti o prenotati per una futura adozione».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo