magia pratica
Cronaca
IL CASO

Magia e violenze sessuali di gruppo. Il pm chiede 23 anni per il “santone”

I componenti della setta sono finiti sotto processo con l’accusa di associazione a delinquere

Mano pesante della pubblica accusa, rappresentata dai sostituti procuratori Marco Sanini e Fabiola D’Errico, per Paolo Meraglia e gli altri componenti della “setta” oggi a giudizio con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla violenza sessuale. Per il santone originario di Gioia del Colle, con un passato da insegnante di matematica e di cantante pop, i pubblici ministeri hanno chiesto 23 anni di carcere senza le attenuanti. Per le due “vestali” del sodalizio, Lorella Bavosio e Luisa Nota, la richiesta è stata invece di 9 anni: per la prima sono state riconosciute le attenuanti generiche, mentre per la seconda è stato accertato un vizio parziale di mente. Undici anni e 6 mesi con le attenuanti, invece, per il figlio della Nota, oggi 23enne ma minorenne all’epoca dei fatti: anche lui partecipò, in compagnia della madre, ai riti orgiastici organizzati dal Meraglia con il coinvolgimento di vittime anche minorenni.

+++CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI+++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo