Lutto nel mondo del calcio

Morto Gigi Radice, fu l’allenatore dell’ultimo scudetto del Toro

Tra gli allenatori più innovativi della sua epoca, ha guidato anche Inter, Milan, Bologna, Roma e Fiorentina. Patron Cairo: "Entra di diritto nel pantheon granata con gli eroi di Superga"

Gigi Radice

Lutto nel mondo del calcio. E’ morto dopo una lunga malattia Gigi Radice. L’allenatore dell’ultimo scudetto del Torino, l’unico del dopo Superga nel 1976, aveva 83 anni. Tra gli allenatori più innovativi della sua epoca, ha guidato anche Inter, Milan, Bologna, Roma e Fiorentina. Da giocatore, a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta, vinse tre campionati e una Coppa dei Campioni (nel 1963, la prima conquistata da un club italiano) con il Milan.

DUE SETTIMANE FA LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO
Soltanto due settimane fa alcuni campioni d’Italia del Torino 1976 si sono riuniti per la presentazione di “Gigi Radice. Il calciatore, l’allenatore, l’uomo dagli occhi di ghiaccio”, il libro che racconta la sua storia scritto da Francesco Bramardo e Gino Strippoli. “Il mantra era “noi non siamo qui per prendere in giro la gente ma dobbiamo offrire un calcio bello e divertente'”, si legge nel testo che ricorda alcune sue affermazioni.

IL CORDOGLIO DEI GRANATA
“Addio, Mister Radice, colonna della nostra storia. Ieri, oggi, per sempre” ha twittato il Toro a corredo di una foto che ritrae Radice portato in trionfo dai suoi giocatori, nel giorno della festa per l’ultimo Scudetto conquistato dai granata nel 1976.

CAIRO: NEL PANTHEON CON GLI EROI DI SUPERGA
“Luigi Radice è stato un grandissimo nella storia del Torino e in quella del calcio, sport in cui ha interpretato al meglio il ruolo del maestro: entra di diritto nel pantheon granata con gli eroi di Superga“. Così il patron del Toro Urbano Cairo, commosso, ricorda la figura del tecnico dell’ultimo scudetto del Torino. “Che – spiega – è stato uomo granata a tutto tondo, grande passione in campo e dolcezza umana fuori”.

ALLEGRI: UN GRANDE CHE HA LASCIATO IL SEGNO
“L’altra settimana parlavo di grandi allenatori italiani che hanno lasciato il segno: uno di questi era Gigi Radice. Un abbraccio alla famiglia”. Massimiliano Allegri ricorda così, su Twitter, l’allenatore dell’ultimo scudetto del Torino, morto oggi a 83 anni.

GRAZIANI COMMOSSO: “ERA COME UN PADRE”
“Il mio ricordo di Gigi è meraviglioso. Per me non era solo un allenatore ma un fratello maggiore o un padre” ha detto un commosso Ciccio Graziani, ex attaccante, che in quel Torino formava insieme a Paolo Pulici la celebre coppia dei “Gemelli del gol”. “Noi lo chiamavamo il tedesco, il sergente di ferro. La domenica dopo una vittoria veniva negli spogliatoi e ci diceva sempre la stessa cosa: stasera mangiate tranquilli, ma non avete fatto niente. Poi, rivolgendosi a me o Pulici: hai fatto un gol straordinario, ma se domenica non ne fai due…Noi scherzando gli dicevamo che era un martello, ci faceva sorridere”.

PECCI: “HA CAMBIATO IL MODO DI GIOCARE”
“In questo momento le parole sono superflue, meno se ne dicono, meglio e’: abbiamo perso un grandissimo uomo…”. Eraldo Pecci, fatica a parlare di Gigi Radice. Del Toro tricolore lui era il regista. “C’e’ davvero poco da dire – dice sconsolato -, era un uomo esemplare al quale ero molto affezionato”. Due caratteri all’apparenza lontanissimi, Radice schivo e riservato, Pecci esuberante ed estroverso, ma capaci di un rapporto profondo. “Dicevano di lui che era un ‘sergente di ferro’, invece sapeva essere un uomo molto dolce – ricorda -. Dal punto di vista professionale è stato l’allenatore che ha cambiato il calcio italiano, portando l’Olanda in Italia”.

SALA: “HA TRACCIATO SOLCO DI PALLONE CHE STAVA CAMBIANDO”
“Radice è un allenatore che ricorderemo tutti, ha tracciato il solco di un calcio che stava cambiando. Con molto anticipo e con successo” lo ha ricordato Claudio Sala, capitano del Torino che vinse lo scudetto con Radice allenatore.

IL MILAN: “CON LUI I PRIMI A VINCERE LA COPPA CAMPIONI”
“Il suo Milan è stato il primo Club italiano a vincere la Coppa dei Campioni. Lui, Gigi Radice, tre volte campione d’Italia in rossonero, ci ha lasciati. La Storia del calcio e tutto il Milan lo ricordano con affetto e commozione. Condoglianze sincere alla famiglia Radice”. Con questo tweet il Milan ha ricordato Gigi Radice, che fu un prodotto del vivaio rossonero.

IL BOLOGNA: “RIMASE NEL CUORE DEI TIFOSI”
“Si è spento a 83 anni Gigi Radice, che allenò il Bologna nelle stagioni 1980-81 e 1990-91. Nella prima occasione conquistò il 7° posto, guidando una squadra che è rimasta nel cuore dei tifosi. Tutto il Bologna Fc 1909 partecipa al lutto della famiglia”. Questo il ricordo del Bologna dell’ex allenatore Radice.

L’INTER: “GRANDE PROTAGONISTA DEL NOSTRO PALLONE”
Anche l’Inter ha espresso via twitter “il proprio cordoglio” per la scomparsa dell’ex allenatore Gigi Radice. Il club nerazzurro “abbraccia la famiglia di Gigi Radice, grande protagonista del nostro calcio, che ci lascia oggi a 83 anni”.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single