Torino si aggiudica l'edizione 2022 dell'Eurovision (foto di repertorio)
Spettacolo
L’APPELLO

Una lunga estate senza musica. «Dimenticati con i nostri sold out»

Marco Lepore di Torino Concerti commenta la lettera di Assomusica a Conte

I primi a chiudere, gli ultimi a parlare. Si tratta di coloro, associazioni, organizzatori, che rappresentano l’intera filiera imprenditoriale della musica live, i quali lunedì hanno trasmesso al Presidente del Consiglio Conte ed ai ministri dei beni Culturali e dell’Economia, Franceschini e Gualtieri, una serie di interventi evidenziando “lo stato di crisi dell’intero comparto e la necessità di misure urgenti”. Nonostante in questi giorni abbia rappresentato l’ultima ruota del carro nel panorama economico nazionale, si tratta di un settore che vale quasi cinque miliardi di euro, occupando oltre 169 mila persone. Secondo le stime di Assomusica, a fine stagione estiva ammonteranno a circa 350 milioni di euro le perdite per il solo settore del live, oltre a 600 milioni di euro dell’indotto, e a farne le spese saranno 60 mila persone che “necessitano di uno sforzo e un supporto finanziario straordinario e duraturo da parte delle istituzioni”.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo