ettore rosboch funerale
Cronaca
CASTELLAMONTE

L’ultimo addio a papà Rosboch: «Ora può riabbracciare Gloria»

Ieri il funerale del 90enne Ettore, padre dell’insegnante uccisa nel 2016

«Voglio immaginarlo lassù, nella luce di Dio, mentre papà Ettore finalmente riabbraccia sua figlia Gloria». Con queste toccanti parole don Angelo Bianchi, parroco della chiesa dei Santi Pietro e Paolo di Castellamonte, ha dato l’addio a Ettore Rosboch, padre di Gloria, la maestra di Castellamonte barbaramente assassinata da Gabriele De Filippi e dal suo complice Roberto Obert il 13 gennaio del 2016. Ettore Rosboch si è spento all’età di 90 anni nella sua casa poco fuori dal centro del paese altocanavesano, accanto all’amata moglie Maria Luisa, con la quale ha dovuto portare negli ultimi anni il pesante e doloroso fardello della tragedia della morte della figlia per mano di due spietati assassini. Spietati perché entrambi agirono per futili motivi, Gabriele, la mente criminale dietro l’omicidio, aveva carpito la fiducia di Gloria, che era stata sua insegnante e che si era invaghita di lui, arrivando a prestargli 187mila euro per un investimento mai avvenuto. Gloria e i suoi genitori si erano accorti troppo tardi della truffa e minacciavano di trascinare Gabriele in tribunale. Fu così che il 22enne ordì l’omicidio per sbarazzarsi di Gloria, incluse anche un complice Roberto Obert, 53 anni amante del giovane, rimasto circuito dal fascino letale di Gabriele, e che lo aiutò a strangolare la maestra canavesana e a far sparire il suo corpo gettandolo in una cisterna nelle campagne di Castellamonte.

Ieri si è svolto il funerale al quale hanno partecipato circa trecento persone. Presente accanto alla moglie di Ettore, l’avvocato della famiglia Rosboch, Stefano Caniglia, che li aveva assistiti fin dalla truffa intentata da Gabriele alla definitiva condanna dei due assassini (la Cassazione a dicembre del 2019 ha sancito 30 anni per Gabriele e 18 per Roberto). Presente alle esequie anche il primo cittadino di Castellamonte Pasquale Mazza.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo