Belotti (Depositphotos)
Sport
L’ESTATE DI BELOTTI

L’ultimatum di Juric e le offerte di Cairo: il Toro cerca il leader

Il Gallo chiamato alle scelte

Salutato un leader, con Salvatore Sirigu in procinto di sbarcare a Genova sponda rossoblu, ora il Toro aspetta l’altro uomo simbolo. Andrea Belotti ha cominciato le vacanze dopo la conquista dell’Europeo: ha raggiunto la moglie Giorgia e la figlia Vittoria a Palermo, tra un tuffo e l’altro nel mare della Sicilia c’è anche il tempo per riflettere. C’è un contratto in scadenza a giugno 2022, la tentazione di provare il grande salto in una big, un pezzo di cuore granata che non lo lascia indifferente, così il capitano pensa al suo futuro.

E poi c’è il presidente Urbano Cairo, che vorrebbe tenerlo (ieri giravano anche voci non confermate di un supercontratto da 20 milioni in cinque anni) ma anche non rischiare di perderlo a parametro zero tra pochi mesi. L’ultimo pezzo del mosaico è rappresentato da Ivan Juric, che senza mezze parole ha messo Belotti al muro: «Mi dica se vuole essere il mio capitano» la frase pronunciata durante la conferenza stampa di presentazione. Per ora non sono arrivate offerte convincenti dalle parti di via Arcivescovado, stando così le cose il Gallo rientrerà sotto la Mole quando la squadra avrà fatto ritorno dalla trasferta in Francia, dopo il 31 luglio. E poi si vedrà.

Intanto, Juric cerca altri leader nel suo nuovo Toro: su tutti, ci sono Izzo e Mandragora. Sono loro a tirare il gruppo in Val Gardena, con Bremer, Rincon e Sanabria subito dietro. Il tecnico vuole personalità forti, giocatori in grado non solo di dare il meglio, ma anche di spronare i compagni a fare lo stesso. Così, sono questi i senatori che aiutano i più giovani nelle lunghe sedute di allenamento in Val Gardena: e Juric sta apprezzando il lavoro di Buongiorno, di Lukic e di Vojvoda. C’è anche ci sta sorprendendo in positivo il nuovo allenatore, con Aina che, rientrato dall’esperienza al Fulham che si è conclusa con la retrocessione, sta scalando le gerarchie per un posto sulla fascia sinistra. E, tra chi cerca il riscatto, ci sono Baselli, Zaza e Verdi.

Intanto, da giovedì sera si è unito anche Linetty al gruppo di lavoro a Santa Cristina. Il polacco, che ha usufruito di un periodo di vacanze extra dopo l’Europeo disputato con la Polonia, ha subito ripreso gli allenamenti insieme al preparatore atletico, seguendo una tabella personalizzato per mettersi al pari dei compagni. Ieri, i granata hanno goduto di una giornata a ritmi blandi: la mattina è stata caratterizzata da una sessione in piscina, al pomeriggio mezza giornata libera per tutti. Già da oggi, però, si torna ad andare a mille sul campo del centro sportivo Mulin da Coi. Anche perché è tempo di primo test: domani, infatti, il Toro affronterà l’Obermais Merano, formazione che milita in Eccellenza. E Juric pretende di vedere i primi risultati del suo lavoro cominciato lo scorso 8 luglio al Filadelfia.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo