longo-toro
Sport
ANALISI

Longo ha cambiato il Toro tra testa, modulo e gambe

Tanto il lavoro del tecnico, compresa l’intuizione di Edera trequartista

Testa, gambe, modulo: la rivoluzione di Moreno Longo parte da lontano e si è occupata di tutti gli aspetti della squadra. E la pausa forzata gli è servita moltissimo, per cercare di curare i tantissimi difetti ereditati dalla formazione di Mazzarri. Non ce l’ha fatta appena arrivato, il calendario gli ha riservato Milan e Napoli in successione, ma ora sembra tutto un altro Toro: quattro punti in due partite, una situazione di classifica tranquilla e una squadra tornata solida. Una questione, anche, di modulo.

EDERA TREQUARTISTA
Longo gioca, di fatto, con quattro attaccanti, eppure in campo c’è più equilibrio. Merito di una intuizione, quella di Edera trequartista: il “canterano” è la vera novità del Toro post-coronavirus, capace di agire dietro le punte in un 3-4-1-2 o di alzarsi nel tridente per un 3-4-3 in fase offensiva.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo