PiazzaGalimberti
Cronaca
FILADELFIA

L’odissea di piazza Galimberti: «In balia di vandali e incuria»

A tre anni dal restyling scritte ovunque, panchine rotto e ora anche il pavè a pezzi

Panchine senza lo schienale o le tavole dove sedersi, scritte di varia natura sui muretti e da qualche giorno anche quattro transenne a protezione di “Chakra”, l’enigmatica opera contemporanea in ferro. Sono le condizioni, preoccupanti, in cui versa piazza Galimberti, in zona FiladelfiaUn’area riqualificata nel 2018 e che oggi soffre di una grave malattia: l’incuria. Serrande abbassate a parte, il giardinetto non versa certo in buone condizioni.

La denuncia

Bottiglie in vetro vuote, cartacce e panchine distrutte. «Chi continua a ridurre in questo stato la piazza?». A chiederselo sono i comitati di zona che hanno più volte denunciato i problemi. Gli ultimi interventi di riqualificazione, però, risalgono a tre anni fa, con una spesa manutentiva di 50mila euro a carico a carico del Comune di Torino. I lavori di riqualificazione hanno riguardato in primo luogo la messa in sicurezza delle pavimentazioni ammalorate dei vialetti all’interno della piazza. Con la messa in sicurezza delle panchine e il ripristino del manto erboso.

Eppure, oggi, la situazione sembra essersi capovolta. Molte panchine sono state vandalizzate, il pavè è sconnesso in più punti e a fianco del monumento c’è davvero il rischio di farsi male. Ruggine a parte, le transenne delimitano il passaggio ai ragazzini. Danneggiata anche la vecchia fontana al centro della piazzetta mentre i muretti avrebbero proprio bisogno di una buona mano di vernice fresca per cancellare anni e anni di vandalismi.

«Nel 2018 sono stati spesi 80mila euro – spiega il vicepresidente della 8, Massimiliano Miano –. Nel frattempo è iniziato un patto di collaborazione, non andato a buon fine. La settimana prossima faremo un sopralluogo e verificheremo il tutto».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo