progetto-edisu
Cronaca
VIA MADONNA DELLE SALETTE

Lo studentato divide Parella: «Volevamo orti e un parco»

Il progetto prevede aule studio e due palestre

L’area verde di via Madonna delle Salette sembra ormai designata a ospitare lo studentato Edisu e laboratori del Politecnico in vista delle Universiadi del 2025. Ma residenti, consiglieri e associazioni ambientaliste non ci stanno: «vogliamo un parco pubblico, un bosco e orti urbani, era meglio il Palavolley». Come ha spiegato ieri l’assessore Antonino Iaria, in risposta alla mozione dell’ex 5 Stelle Damiano Carretto: «Ci rimane poco tempo ed entro il 2024 bisogna realizzare dai 1.600 ai 1.900 posti letto pubblici in città con budget limitato.

Il progetto in questione prevede l’edificazione di 2.500 metri quadri su 11mila (circa 20% dell’area verde) con 500 posti letto, aule studio, due palestre e 8.500 metri quadri di parco e spazi pubblici». Una risposta che non ha convinto gli abitanti della zona. Un secco «no» arriva dai comitati “Salviamo i Prati” schierati contro il consumo di suolo, «un sì con riserva» invece è stato espresso dal comitato “Parella Sud-Ovest” che da tempo denuncia il degrado dei lotti comunali: «va bene lo studentato a patto che si riqualifichino tutti i 22mila metri quadri delle aree verdi limitrofe, preferiamo comunque il progetto del palavolley che garantiva servizi a giovani e residenti». Nettamente contrari al progetto: la consulta ambientalista, i consiglieri di maggioranza Federico Mensio, Daniela Albano e l’ex 5 Stelle Damiano Carretto, autore della mozione: «Chiedo la progettazione di un’area verde sul “Prato Parella”. Lo studentato sarebbe soltanto un dormitorio». Durante la commissione sono intervenuti anche alcuni residenti. «Per lo studentato – propone Paola Ceretto – si potrebbe usare l’edificio dell’ex scuola francese adiacente al liceo Cattaneo». Destinazione bocciata dall’assessore Iaria che, come sedi alternative, ha proposto anche «la foresteria del Lingotto».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo