Foto di repertorio
News
Oltre mille volontari al lavoro

Livello dei fiumi in incremento in tutto il Piemonte: 115 evacuati, chiusa la A5 tra Ivrea e Pont Saint Martin

Gli ultimi aggiornamenti dalla sala operativa della Protezione Civile di corso Marche

Dalla sala operativa della Protezione Civile di corso Marche segnalano come le rilevazioni Arpa evidenziano che le precipitazioni delle ultime ore hanno determinato un incremento generalizzato dei livelli idrometrici di tutti i corsi d’acqua del reticolo principale e secondario, con superamento della soglia di pericolo per i torrenti Bormida e Orba, e il Tanaro alla sezione di Montecastello (AL).

Sul settore settentrionale i corsi d’acqua sono in crescita, ma ancora al di sotto delle soglie di pericolo. Si segnala il raggiungimento del livello di guardia del Ceronda, del Malone e del Cervo (Biellese e Torinese).

La situazione più critica si registra in provincia di Alessandria, dove si registrano 115 evacuati in via precauzionale, 22 ad Acqui Terme, 6 Cremolini, 20 a Ovada, 8 a Prasco, 10 ad Alessandria, 3 a Gavi, 40 a Chiaverano nel torinese e 6 a Ormea nel cuneese, si segnalano notevoli disagi alla viabilità locale legati a smottamenti o allagamenti.

Sono aperti 80 Coc (Centri Operativi comunali), 20 COM, (Centri Operativi misti), 4 Ccs, (Centri coordinamenti soccorsi), e 6 Sop, (Sale operative di Protezione civile).

In sede di Ccs (Centro coordinamento soccorsi) della Prefettura di Torino è stata decisa l’attivazione del livello 3 del piano speditivo (piano di gestione dell’emergenza) per la frana di Quincinetto. Di conseguenza dalle 17.30 l’autostrada A5 è stata chiusa al traffico in entrambe le direzioni da Ivrea a Pont-Saint-Martin per tutti i mezzi.

Aipo (Agenzia interregionale del fiume Po) ha comunicato che nelle prossime 24 ore il Po potrebbe superare la soglia 2 di criticità (moderata, colore arancione) nel tratto piemontese ed entrare, nell’arco delle 36 ore, nel livello 3 di criticità (elevata, colore rosso) in alcune sezioni a valle di Torino.

Sono al lavoro sul territorio oltre 1000 volontari del Coordinamento regionale e 192 del Corpo Aib; sono stati richiesti alla Protezione civile oltre 8000 sacchetti di sabbia, motopompe e 1 cisterna per acqua potabile.

Per la viabilità si segnalano circa 60 Strade provinciali chiuse per smottamenti ed allagamenti, sopratutto nell’alessandrino, mentre RFI ha attivato fra Acqui ed Alessandria un servizio sostitutivo.

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 22

Attraverso il monitoraggio del territorio dell’Area Metropolitana di Torino per il tramite delle SOL CRI di competenza e della riunione svoltasi presso il CCS di Torino nel pomeriggio di oggi si segnala:
Livello di Allerta 3 – Fase Operativa di Allarme connessa al “Piano Speditivo della frana di Quincinetto località Chiappetti” dalle ore 13:00 del 23.11.2019, seguita da formale attivazione alle ore 17:30 dalle Strutte Operative presenti al CCS.
SOP Città Metropolitana di Torino dichiarata aperta h 24 fino a termine necessità, presente in loco CAE CRI dalle ore 15:00 di oggi 23.11.2019.
– Aumento rischio per valanghe su territorio delle Valli di Lanzo e Ceresole.
– A Brandizzo il torrente Malone ha raggiunto i livelli di guardia, esondando in parte nelle zone del comune di San Benigno Cse per cui GTT dispone interruzione traffico ferroviario.
– Rischio idrogeologico e valanghivo aumentato nelle Valli Susa, Sangone, Chisone e di Lanzo, oltre che in Canavese, di tipo idrogeologico e valanghivo per intensificarsi fenomeni piovosi e innalzamento temperature con quota neve a 2000 m.
– alle ore 15:00 risultano aperti 55 COC.
– criticità nei comuni di Cuorgnè (ingrossamento rio), Pramollo (frana in movimento già nota), Chiverano (frana avvenuta in nottata), Ceresole (valanga in zona Nuvolè e chiusura SP 50 dal km 0+100 per rischio valanghe), Venaria (corsi d’acqua in innalzamento), Torino (chiusura Murazzi in via preventiva), Usseglio (territorio per alcune ore senza energia elettrica e rete telefonica fissa e mobile), Borgata Nava comune di Cuorgnè e Borgata Faiallo comune di Pont Cse interruzione energia elettrica con intervento ripristino in atto.
Aeroporto di Torino operativo su cui sono stati dirottati voli da Genova. Dalle 17:00 innalzamento livelli d’acqua attorno alle piste di atterraggio per cui stanno pianificando intervento di arginamento.
– Segnalato possibile pericolo per Diga di Gurzia (Comune di Vidracco e Vistrorio) per cui non esiste alcun piano di intervento e la Prefettura ha dato mandato ai Comuni di analizzare la situazione.
ATIVA segnala sciopero personale per domani 24.11.2019.
Turin Marathon prevista per domani 24.11.2019 non annullata da organizzatore e per cui sono previsti 2000 partecipanti circa.
– Prossima convocazione in via ordinaria CCS alle ore 12:00 del 24.11.2019.
– in sede di riunione COV si è disposta la chiusura della A5 come da procedura da Piano Speditivo Frana Quincinetto dalle ore 17:30 con predisposizione viabilità alternativa

SOP CRI Torino sta predisponendo la propria eventuale apertura fisica presso la sede della CRI di Mappano.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo