Ventura
Sport
ANNUNCIO

L’ex Toro Ventura si ritira: «Basta con la panchina, dopo 37 anni mi fermo»

L’allenatore: «Gli anni passano, voglio godermi la vita»

È stato un altro anniversario della catastrofe, da quel 13 novembre 2017 in cui venne sancita la clamorosa esclusione dell’Italia dal Mondiale. A quattro anni di distanza, l’ex tecnico del Toro Gian Piero Ventura ha deciso di lasciare definitivamente il mondo del calcio. «Ho deciso di fermarmi, non voglio più affrontare discorsi di campo» l’annuncio fatto nella giornata di ieri, poche ore prima di un altro spareggio Mondiale.

Perché, a conti fatti, Italia-Svizzera ha significato molto nel percorso degli azzurri verso il Qatar: «Faccio un grande in bocca al lupo a Mancini affinché possa andare ai Mondiali e vincerli» l’augurio di Ventura all’attuale ct. Ma, tornando alla decisione del tecnico genovese, ha aggiunto: «Dopo trentasette anni di calcio con tante soddisfazioni e qualche momento negativo penso sia un mio diritto riprendere la mia vita. Gli anni passano, voglio godermi la vita».

Si è chiusa così una carriera lunghissima, cominciata nel lontano 1976 come allenatore delle giovanili della Sampdoria. Poi la scalata, passo dopo passo, con tante imprese da incorniciare: il cosiddetto “Pisa dei miracoli”, il bel calcio espresso a Bari, il ritorno prima in serie A e poi in Europa del Torino. E, proprio a proposito della parentesi vissuta sotto la Mole, Ventura viene ricordato per la vittoria di Bilbao e per il ritorno al successo in un derby contro la Juventus, ancora oggi l’unico vinto dal 1995 ai giorni nostri.

Dal granata all’azzurro, sembrava il salto per la consacrazione definitiva, e invece la Nazionale ha rappresentato l’inizio della fine per Ventura. Le successive esperienze a Verona, sponda Chievo, e a Salerno non gli hanno regalato soddisfazioni, ma anzi sono stati capitoli negativi. Così, l’ultima sua panchina rimarrà quella del 30 luglio 2020, quando in serie B perse in casa contro lo Spezia e non riuscì a salire sul treno playoff insieme agli amaranto campani.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners