Tff
Spettacolo
TFF COME HOLLYWOOD

L’ex Arancia Meccanica e le altre star al Regio per la festa del cinema

Da McDowell a Pilar Fogliati, il festival si è aperto ieri con il red carpet e la diretta radio, prima il messaggio di Mattarella. Nel 2023 la mostra su James Cameron

Sul grande schermo del Teatro Regio scorrono le immagini documento di Gianni Rondolino e di Ansano Giannarelli che raccontano il loro primo Torino Cinema Giovani. Sono passati quarant’anni da allora, tanti. Traguardi che solo le cose serie e importanti possono raggiungere. Lo ha ribadito anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ieri sera ha fatto pervenire, in un Teatro Regio gremito, il suo messaggio: «Il Torino Film Festival si presenta nell’odierna edizione con elementi di continuità ideali con gli intenti dei fondatori, ma anche con novità importanti, capaci di attrarre fasce sempre più larghe di spettatori, in particolare i più giovani. Si tratta di un festival “diffuso” che intende coinvolgere l’intera città, restituendo centralità alle sale cinematografiche, oggi attraversate da difficoltà. E che contribuirà a rilanciare l’universo del cinema dopo la lunga e dolorosa stagione del Covid».

Si è aperta così, sul palco dove fino a poche ore prima andava in scena Riccardo Muti, l’edizione 2022 dell’oggi Torino Film Festival che il direttore Stefano Della Casa ha voluto trasformare in una festa, la festa di “Hollywood Party”, la sua storica trasmissione di Radiotre andata in onda in diretta. Tema della serata: i Beatles e i Rolling Stones commentati, in primis, da Francesco De Gregori collegato online. Platea sold out e red carpet iniziato intorno alle 17,30, in una piazza Castello sorpresa dall’insolito evento al quale hanno preso parte sfilando nel foyer la madrina Pilar Fogliati – «Sono di casa a Torino per motivi di lavoro e sono onorata di essere qui stasera» – Noemi, Samuel Romano, Vincenzo Mollica e, soprattutto, la star inglese Malcolm McDowell, storico “Alex” di “Arancia Meccanica” arrivato in città già da due giorni con suo figlio e, ovviamente, osannato dai fan.

Bella, elegantissima e felice di parlare, per una volta, più di cinema che di musica, la prima ad arrivare è stata proprio la cantante Noemi accompagnata dai vertici del Museo del Cinema, il presidente Enzo Ghigo e il direttore Domenico De Gaetano i quali si sono occupati dell’organizzazione dell’evento. Cinema chiama cinema, da loro l’annuncio di un grandissimo appuntamento all’inizio del prossimo anno: «Faremo una mostra su una star internazionale, la prima al mondo». Quella dedicata a James Cameron del quale il 14 dicembre è attesa l’uscita del suo “Avatar 2”. Una notizia bomba per una città che sembra proprio non volersi stancare dei grandi eventi passando dalle Atp al cinema nelle sue sale «finalmente piene – ha detto Steve Della Casa – un anno fa sarebbe stato impensabile» e che adesso si aspetta che anche la sede Rai venga aiutata, lo hanno promesso all’unisono il sindaco Stefano Lo Russo e il presidente della Regione, Alberto Cirio. Tra gli ospiti anche Piero Chiambretti accompagnato dalla sua bimba Margherita, Gigi Marzullo, i vertici Rai e di Film Commission.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo