maneskin eurovision 21
Spettacolo
IL CONTEST DEI RECORD

L’Eurovison “short” fa il botto. E domani i Maneskin sono qui

Il format breve piace agli italiani: Raiuno conquista 5.507.000 spettatori pari al 27 per cento di share. Venerdì sera la rock band sarà alle prove

Promozione, curiosità, effetto Maneskin. La prima puntata dell’Eurovision Song Contest andata in onda martedì sera ha confermato le altissime aspettative della vigilia facendo balzare la media audience della prima serata di Raiuno – ferma intorno al 20 per cento – a un bel 27, grazie a 5.507.000 spettatori («Siamo molto, molto soddisfatti dei risultati» hanno commentato gli executive producers). Lo show colorato, psichedelico a tratti kitsch e fino a ieri considerato di nicchia nel Belpaese, ha evidentemente fatto breccia nei cuori e negli occhi degli italiani coinvolti in prima persona a dare i loro voti a band e artisti venuti da lontano ma già di casa. Come la Kalush Orchestra, sostenuta nella sua battaglia per la pace, la bella e sensuale lituana Monika Liu, gli scatenati norvegesi Subwoolfer che stanno facendo ballare le strade di Torino o i folcloristici moldavi Zdob ci Zdub & Advahov Brothers. E sui social la situazione è la stessa con oltre mezzo milione di tweet, e un milione e mezzo di visualizzazioni per Cristiano Malgioglio sul Tik Tok di Raiplay. Il tutto grazie anche alla conduzione di due star come la Pausini (nonostante il «porca vacca»), Mika uniti alla verve di Cattelan, e ospiti del calibro di Diodato e Dardust. Ma, e un ma qua è d’obbligo, sarebbe accaduto lo stesso se i tempi si fossero dilatati fino a oltre la mezzanotte come accade da sempre al Festival di Sanremo tanto da fare cadere puntualmente nella polemica i vertici Rai? Probabilmente no, la lancetta dell’orologio ferma alle 23,15, momento in cui lo spettacolo del Pala Olimpico è terminato, ha messo tutti d’accordo, gli addetti ai lavori, il pubblico, i giornalisti e, probabilmente, gli artisti stessi alle prese con una gara importantissima che potrebbe cambiare il corso della loro carriera. E, ieri, dalle parti di Viale Mazzini, e non solo quindi sui social attraverso meme e battute, sembra che qualcuno abbia drizzato le antenne sulla questione orario e sulla costruzione del format Festival di Sanremo che forse dovrebbe essere rivista. Di questo se ne parlerà ancora ma non a Torino. Lo spettacolo deve continuare, sia dentro, sia fuori il Pala Olimpico dove probabilmente già da questa sera, al più tardi domattina, potrebbero fare la loro comparsa i Maneskin, ospiti d’onore della finalissima di sabato e quindi impegnati con le prove di venerdì sera. Sono loro il colpo di coda preziosissimo per la chiusura dell’Eurovision Song Contest. Il loro Eurovision Song Contest che lo scorso anno li ospitò come giovani rocker trasformandoli definitivamente in star internazionali. Senzi i quali, è bene ricordalo, tutto questo Torino non lo avrebbe mai visto.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Gruppo Gheron
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo